Processione de “U Trunu” con il vescovo Rosario Gisana

Processione de “U Trunu” con il vescovo Rosario Gisana

Oggi è il giorno più atteso dalla comunità locale che culminerà con la processione serale de “U Trunu” e poi con la benedizione finale del vescovo Rosario Gisana. Sarà un giorno in cui la “Passio Christi” sarà caratterizzata da diverse iniziative, anche commoventi, Nella prima mattinata si assisterà all’uscita dell ‘Addolorata accompagnata dal santone San Giovanni (vestito a lutto) dalla chiesa Grazia del parroco Nicolosi eai lamenti di alcuni barresi, i quali fanno da sottofondo alla voce di Totò Puzzo. Tante le donne e le ragazze che accompagnano l’Addolorta. Vi sono anche le due antiche confraternite quella del Santissimo Crocifisso e di Sant’Alessandro. Emozionante il momento in cui l’Addolorata si ferma davanti la chiesa Madre dove i confrati intonano un brano musicale entrato ormai nel cuore dei barresi. Martedì sera nella chiesa Madre si è svolto il suggestivo concerto della banda musicale locale diretta dal maestro Rizzo, seguito – mercoledì – dalla rappresentazione “A Vasacra” con la partecipazione di molte persone; ieri invece i fedeli, dopo aver partecipato alle funzioni religiose nel pomeriggio hanno fatto visita ai “Sepolcri” (in dialetto Sabburca), e poi partecipato ad una Via Crucis a mezzanotte che ha avuto l’epilogo con lo svelamento del crocifisso dall’apposita teca nella chiesa Madre. Stasera, come detto, la suggestiva processione di” U Trunu” precedutà dalla Vara e da l’Addolorata con l’incantevole coinvolgimento emotivo del significato religioso che assume la Croce. Stasera si registrerà la presenza, anche se solo nella parte finale del vescovo Gisana, accompagnato dal vicerettore, Luca Crapanzano e dal gruppo dei seminaristi: una presenza importante di un vescovo, che non si registrava da lunghi decenni, ma che vuole ricongiungere il grido di misericordia dei barresi ad una vera conversione dell’anima ma che non deve apparire esteriormente con le buoni azioni quotidiane. Domenica mattina, giorno di Pasqua, l’incontro tra Gesù e Maria, con la presenza dei santoni raffiguranti gli apostoli.

Previous La tradizione del GIOVEDI' SANTO - LE FOTO
Next Polizia di Stato: task force con l’operazione "Pasqua Sicura”