le pro loco siciliane per il tipical sicily

le pro loco siciliane per il tipical sicily

Catania, 29 gennaio 2015) – Presentare al mercato europeo il progetto di promozione turistica “Typical Sicily”. E’ questa la missione delle Pro Loco siciliane alla 35esima edizione della Fiera Internazione del Turismo (Fitur) che prende il via oggi,  28 gennaio a Madrid, in Spagna, e si concluderà il 2 febbraio. La Fitur è il primo evento del calendario internazionale ed allo stesso tempo uno degli appuntamenti più attesi. Alla manifestazione prendono parte 686 espositori in rappresentanza di 165 nazioni, sono attesi, inoltre, oltre 200mila visitatori, di cui 120mila addetti ai lavori.
“La Fitur – afferma il presidente di Unpli Sicilia, Antonino La Spina – rappresenta una tappa strategica per illustrare “Typical Sicily” agli operatori del continente. Sarà l’occasione – continua –   anche per consolidare i proficui rapporti che abbiamo allacciato con i buyer sudamericani all’Abav di San Paolo”. “Typical Sicily” propone un approccio di sistema per  coordinare l’azione di partner privati ed istituzionali al fine veicolare e far fruire un ampio territorio, con particolare attenzione alle aree rurali, come un contesto omogeno  contraddistinto da un’offerta integrata che coniuga la fruizione del patrimonio culturale, delle ricchezze naturali e paesaggistiche e la scoperta  dei prodotti tipici e di eccellenza.
L’azione ha messo in rete 160 attori (Comuni, Pro Loco, Consorzi di tutela, aziende di produzioni biologiche e tipiche, agenzie di viaggio e tour operator) e coinvolge le province di  Enna, Caltanissetta, Catania e Messina.  Gli interventi concreti vanno dalla realizzazione di due nuovi centri di accoglienza turistica, alla produzione  di servizi e materiali informativi – compresi video di qualità cinematografica –   per valorizzare il territorio e gli itinerari rurali interessati.
“ A Madrid – conclude La Spina – presenteremo dei pacchetti turistici realizzati ad hoc con i nostri partner ed incentrati sulle manifestazioni legate alla celebrazioni della Pasqua che si tengono in numerosi centri della Sicilia, ed in particolare a Caltanissetta, Enna, Messina e Catania”.
Typical Sicily è un progetto coordinato da Unpli Sicilia, attuato dai comitati provinciali di Catania, Enna, Caltanissetta e Messina, e finanziato dai Gal Etna, Nisseno, Peloritani e Rocca di Cerere con fondi stanziati sull’asse Psr 2007-2013 dall’assessorato regionale dell’agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea.

Previous Termine per la richiesta del bonus bimbi Barrafranca
Next Il sito del Comune risulta poco “trasparente” inJùria la polemica politica