PROCURA DISTRETTUALE DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI CATANIA. Confiscato patrimonio di circa 12 milioni di euro.

PROCURA DISTRETTUALE DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI CATANIA. Confiscato patrimonio di circa 12 milioni di euro.

- in Sicilia

Su richiesta della Procura distrettuale della Repubblica della città etnea,  il Tribunale di Catania

ha disposto la confisca di un patrimonio di circa 12 milioni di euro, illecitamente accumulato da William Alfonso CERBO, ritenuto esponente di spicco del clan mafioso denominato “i Carcagnusi”, facente capo a Santo MAZZEI. Tale provvedimento è stato eseguito dai finanzieri del Comando Provinciale di Catania. In particolare, le attività investigative svolte da unità specializzate del GICO del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria della Guardia di Finanza di Catania, “su delega di questa Procura della Repubblica”, – si legge nel comunicato stampa della Procura della Repubblica di Catania – avevano già consentito, nell’aprile del 2014, di trarre in arresto William Alfonso CERBO, unitamente ad altre 15 persone, nell’ambito dell’operazione denominata “SCARFACE”, per le ipotesi di reato di associazione

mafiosa, trasferimento fraudolento di valori, bancarotta fraudolenta e corruzione”. Le successive attività d’indagine patrimoniali hanno permesso di ricostruire gli affari di CERBO, il quale, in aggiunta alle attività di estorsione, recupero crediti e bancarotte realizzate con metodo mafioso, avrebbe gestito attività economiche e imprenditoriali riconducibili al clan mafioso Mazzei, investendo i proventi delle condotte delittuose nel circuito economico legale mediante la creazione di una galassia di imprese commerciali, associazioni sportive dilettantistiche ed enti senza scopo di lucro, intestati a prestanome, familiari e conviventi. Sulla scorta delle evidenze acquisite nel corso delle indagini, il Tribunale penale etneo, chiamato a pronunciarsi in sede processuale, ha emesso sentenza, confermata in appello e divenuta irrevocabile, nei confronti, tra gli altri, di Wiliam Alfonso CERBO, condannato alla pena di oltre 7 anni di reclusione, per i reati di associazione mafiosa, trasferimento fraudolento di valori, bancarotta fraudolenta e corruzione, disponendo contestualmente la confisca, divenuta definitiva, di cinque società commerciali – operanti, rispettivamente, nei settori delle costruzioni di edifici, delle immobiliari e nell’impresa turistico-balneare, aventi sedi operative nelle città di Catania, Ardea (RM), Castelfranco Veneto (TV) e Palmanova (UD) – un motoveicolo e una lussuosa villa residenziale ubicata a Catania. Il patrimonio illecitamente acquisito, sarà ora affidato all’“Agenzia Nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati”. “L’attività investigativa in questione – si legge nello stesso comunicato stampa della procura della Repubblica della città etnea – si inquadra nel più ampio quadro delle azioni svolte da questa Procura e dalla Guardia di finanza di Catania contro ogni forma di criminalità organizzata attraverso il contrasto, sotto il profilo economico-finanziario, del riciclaggio e reimpiego nel circuito economico legale dei proventi illeciti, in modo da evitare i tentativi, sempre più pericolosi, di inquinamento del tessuto imprenditoriale e salvaguardare gli operatori economici e i cittadini onesti”. GAETANO MILINO

You may also like

CONTROLLI AMMINISTRATIVI NELLE ARMERIE E POLIGONI DI TIRO DELLA PROVINCIA DI ENNA AD OPERA DELLA POLIZIA DI STATO.

Giornata di controlli amministrativi, quella dello scorso giovedì