Il diritto di non soffrire: quando il divorzio penalizza i minori. Come tutelarli?

Il diritto di non soffrire: quando il divorzio penalizza i minori. Come tutelarli?

A parlarne è Giovanni Salerno nel suo saggio “Separazione e Bigenitorialità emozioni e problemi, conseguenze psicologiche nella mente del bambino” edito da Bonfirraro

“Il diritto alla bigenitorialità è un diritto dei figli, non dei padri, né delle madri, i quali capaci di discernimento possono esercitarlo anche in accezione negativa scegliendo liberamente di non mantenere alcun rapporto continuativo con uno di essi”

La famiglia è da sempre l’istituzione fondante della società, è il nucleo principale della formazione affettiva, sociale e culturale degli individui e anche il motore stesso del cambiamento e dell’evoluzione socio economica degli Stati. Ma in che modo i cambiamenti in atto nel nostro tempo hanno modificato la struttura e la tenuta della famiglia?

A rispondere a queste domande ha provato a rispondere Giovanni Salerno con il suo saggio  Separazione e Bigenitorialità emozioni e problemi, conseguenze psicologiche nella mente del bambinoin uscita giovedì 22 dicembre e disponibile su prenotazione in tutte le migliori librerie e store online e sul sito bonfirraroeditore.it.

Il titolo stesso di questo saggio sintetizza uno dei temi più complessi che i professionisti che lavorano nell’ambito delle relazioni familiari, avvocati, assistenti sociali, psicologi e terapisti della coppia e dell’infanzia, si trovano ad affrontare. Perché se è vero che la famiglia è in grado di innescare importanti cambiamenti sociali, si pensi solo a come è cambiato il ruolo della donna negli anni, è anche vero che al suo interno possono verificarsi altrettanti cambiamenti influenzati dall’ambiente e dal contesto in cui la famiglia vive. 

È un dato ampiamente diffuso quello che riguarda l’aumento dei divorzi, in percentuale nettamente maggiore rispetto al numero di matrimoni e convivenze registrate nel nostro Paese. L’incertezza economica come anche le difficoltà vissute dalle famiglie durante la pandemia hanno sicuramente increspato la tenuta delle famiglia in Italia. Il tema è particolarmente rilevante se analizzato in rapporto alle conseguenze di tale circostanza sui minori della coppia che sceglie di separarsi. In questo senso l’autore ha un obiettivo preciso: sensibilizzare operatori del diritto, mediatori familiari e familiari a uscire dalla logica del calcolo matematico delle ore assegnate.

Salerno fa notare come ”Nel caso in cui il bambino riesca a rimanere emotivamente distaccato da entrambi i genitori sarà portato a sentirsi usato, a non sentirsi né amato né importante da parte di entrambi i genitori vedendoli maggiormente impegnati a litigare tra loro piuttosto che a proteggerlo e a continuare a infondere al figlio amore e sicurezza. Inevitabilmente, il modo in cui il bambino reagisce a tale triangolazione influenzerà il modo di rapportarsi con gli altri in futuro”.

Il ruolo di entrambi i genitori è dunque egualmente fondamentale anche in caso di separazione, e fondamentale è il mantenimento del rispetto che porta a non attaccare l’ex coniuge cercando di screditarlo agli occhi del figlio, prosegue l’autore “denigrare e screditare l’altro genitore per attirare il consenso del figlio verso di sé implica un grande rischio per il figlio. Quest’ultimo, infatti, considerando l’altro genitore come deleterio correrà il rischio di perderlo come riferimento”.

“La legge non sempre riesce a tener conto di tutti i fattori e stare al passo con le esigenze della famiglia”, spiega l’editore Salvo Bonfirraro. “Per questo abbiamo scelto di pubblicare questo saggio che è un’opera fondamentale non solo per i professionisti ma per tutti i genitori. Spesso nella corsa alla giustizia dimentichiamo il benessere anche di chi ci è più caro, Separazione e bigenitorialità… rappresenta quasi un manuale di ciò che non dobbiamo dimenticare”.

GIOVANNI SALERNO
È nato a Vittoria. Laureato in Scienze e Tecniche Psicologiche. Presidente della Cooperativa sociale Beautiful Days, opera in provincia di Ragusa dal 2006 nell’ambito della salute mentale nel territorio di Acate, Vittoria, Pedalino, Modica e Ispica.

BONFIRRARO EDITORE
“La nostra storia è il futuro verso cui ci avviamo…”: questa la massima sposata dall’editore Salvo Bonfirraro, che ama guardare lontano, assecondando la sua innata e incondizionata curiosità, trasmessa anche al figlio Alberto, responsabile del settore marketing dell’azienda. Ogni volume  narrativa, poesia, saggistica, storia, letteratura straniera  pubblicato da questa casa editrice indipendente racchiude una scoperta, un’idea, un nuovo modo di guardare e valutare il mondo e il nostro tempo.

Il catalogo dell’editore può essere consultato in tutte le librerie d’Italia, negli store on-line e sul proprio sito http://www.bonfirraroeditore.it/ 

SCHEDA LIBRO

Titolo: Separazione e bigenitorialità emozioni e problemi, conseguenze psicologiche nella mente del bambino 
Autore: Giovanni Salerno
Editore: Bonfirraro editore
Pagine: 128
Formato: 14×20 cm
Isbn: 9788862722926
Prezzo: 15,90 €

Previous Barrese vs. Aragona
Next Il disagio esistenziale nell’ultimo romanzo di Salvina Alba