PIETRAPERZIA. Notevole successo alla 19ª Ronde della Luna.

PIETRAPERZIA. Notevole successo alla 19ª Ronde della Luna.

Con esibizione di “green-pass” e rilevamento della temperatura corporea dei partecipanti, domenica 17 ottobre si è tenuta la 19ª edizione della “Rondedella Luna”, tradizionale appuntamento regolaristico autunnale del Circolo dell’Antico Pistone, sodalizio nisseno prossimo al suo trentennale. La Ronde intitolata all’astro che illumina la notte ha quest’anno voluto omaggiare la valle dell’Himera meridionale, oggi fiume Salso, a cavallo dei territori di Caltanissetta ed Enna, raggiungendo il centro sicano di Pietraperzia. Ad assicurare il servizio d’ordine carabinieri, polizia municipale e volontari protezione Civile di Pietraperzia. Ad assistere alla avvincente manifestazione anche il sindaco di Pietraperzia Salvuccio Messina e gli assessori Angelo Vullo, Michele Corvo, Lorenza Nicoletti e Salvatore Russo. Citata da Cicerone nelle Verrine, Pietraperzia deve il suo nome ai Romani ed oggi celebre per il suo castello di origine normanna, edificato dalla famiglia nobiliare dei Barresi. La manifestazione regolaristica ha avuto il suo avvio dal capoluogo nisseno, nei pressi dello storico viale intitolato all’eroe risorgimentale Napoleone Colajanni. Negli anni passati l’arteria alberata e dai palazzi ottocenteschi e Umbertini era la via da cui si partiva per raggiungere i territori della provincia nissena e quelli della odierna Enna. Gli equipaggi a bordo di Triumph TR4, Austin Healey, Alfa Romeo Giulia GT, Lancia Fulvia HF, Fiat 1100 siluro corsa si sono sfidati – dal mattino alla sera – su un tracciato che percorrendo le vecchie strade una volta del Giro di Sicilia ha raggiunto le vestigia del Castello normanno, per fare quindi ingresso nell’antico centro storico di Pietraperzia. Al mattino la luce cristallina dell’autunno siciliano ha conferito ai boschi di mandorli e pistacchi, caratteristici della zona, una atmosfera fiabesca, con una patina nebbiosa appena alzatasi dai campi e dai vigneti di quei luoghi deputati. Con l’ingresso, sancito da un controllo orario, nel centro di Pietraperzia i concorrenti hanno gareggiato con prove speciali su strada pubblica per formare un parterre di finalisti per il “tabellone” finale, con sfide dirette tenutesi nel pomeriggio sul viale alberato principale del piccolo centro siciliano, con avvincenti rilevamenti cronometrici al centesimo di secondo e che, in tarda serata, hanno decretato la classifica finale. All’arrivo a Pietraperzia organizzatori ed equipaggi sono stati guidati in una visita ai principali monumenti della cittadina del castello Barresi da Gianluca Miccichè, rappresentante Archeoclub di Pietraperzia Vincitori della 19^ Ronde della Luna sono risultati: Per la categoria “driver” l’equipaggio Alberto Catalano e Anna Vario su Autobianchi “A112” che, nella finale di tabellone, ha avuto successo sull’equipaggio Pietro Ginevra e Vincenzo Giannone a bordo di Autobianchi “A112 elegant”. Ha chiuso il podio l’equipaggio Aldo Lima e Maddalena Lunetta su Lancia “Fulvia Zagato”. Per la categoria “classic” l’equipaggio Alfredo Caputo e Michele La Fisca su Porsche “356” che, nella finale di tabellone, ha avuto successo sull’equipaggio Vincenzo Giannone e Pietro Ginevra a bordo di Lancia “Fulvia Rally 1,6 HF”. Ha chiuso il podio l’equipaggio Giuseppe Mendolera e Marilena Viperai su BMW “318”. Le premiazioni dei primi tre equipaggi ed al primo degli equipaggi femminili Carla Mastrosimone e Giovanna Bartoccelli su BMW “700”, hanno concluso l’evento. L’appuntamento è quindi per la 23^ Ronde delle Zolfare, in calendario per il mese di maggio 2022, manifestazione primaverile del Circolo dell’Antico Pistone, che, dopo la pausa biennale dovuta alla nota pandemia da covid-19, riprenderà con un programma su tre giorni, destinato a percorrere la parte più meridionale della provincia di Caltanissetta. GAETANO MILINO

Previous Annuncio servizi funerari agenzia G.B.G. sig. Giunta Angelo Salvatore di anni 76
Next GDF ROAN PALERMO. Sequestrati Kg.80 di oloturie illecitamente pescate all’interno del porto di Licata.