PIETRAPERZIA. “In bocca al lupo, ce la faremo”.

PIETRAPERZIA. Lo dice a chiare lettere Danilo Marotta, giovane parrucchiere di Pietraperzia. Lui, come del resto tutti gli altri, nella prima mattinata del 18 maggio 2020, ha riaperto il suo salone in via Micciché una traversa di viale della Pace. La riapertura dopo oltre due mesi di lockdown causa coronavirus. Danilo ha cominciato il suo servizio e servito la clientela su appuntamento. Nel suo salone i clienti entrano uno per volta muniti di mascherina e guanti. Se qualcuno ne è sprovvisto, vengono forniti da Danilo Marotta. Nel salone si respira aria di igiene e di pulito. Anche lui rispetta alla lettera tutte le indicazioni necessarie: sanificazione locali e attrezzature tra un servizio e l’altro, mascherina, guanti e visiera e quant’altro. Nei giorni passati i locali sono stati sanificati a fondo da una ditta specializzata. Quali le vostre impressioni dopo questi due mesi di pausa forzata? “La gente pensa con fiducia e positivamente in questi frangenti. Spero di offrire un servizio idoneo ed adeguato in maniera tale da tutelare tutti i nostri clienti”. Come vi siete organizzati per potere affrontare al meglio la situazione in questa nuovo frangente che si è venuto a creare? “Ci siamo organizzati con l’ingresso di una persona per volta per tutelare il cliente e igienizzando e utilizzando tovaglie in plastica monouso ed igienizzando quanto è opportuno e necessario igienizzare tra un cliente e l’altro oltre a sterilizzatore degli strumenti utilizzati di volta in volta. Speriamo che passi subito questa pandemia”. Cosa vi sentite di dire alla clientela? “Ci  sentiamo di dire che possono stare tranquilli ma ci vuole la collaborazione generale anche da parte della gente e il rispetto reciproco. In questo modo andremo avanti nel migliore dei modi”. A tutti gli operatori che hanno riaperto le serrande cosi vi sentire  di dire? “In bocca al lupo, ce la faremo”. GAETANO MILINO                ��

Previous Quattro anni dal fallito attentato mafioso a Giuseppe Antoci.
Next Siciliani e Sicilianità- Le fave e il loro significato simbolico di legame trai i vivi e i morti