BARRAFRANCA. Senso e significato della “Giornata Mondiale del Povero”. A spiegarla è il vescovo Monsignor Rosario Gisana.

BARRAFRANCA. Senso e significato della “Giornata Mondiale del Povero”. A spiegarla è il vescovo Monsignor Rosario Gisana.

- in Barrafranca

  BARRAFRANCA. La Giornata Mondiale del Povero. A Barrafranca la Giornata diocesana del povero. Abbiamo chiesto al vescovo della diocesi di Piazza Armerina senso e significato di tale giornata. Eccellenza cosa rappresenta questa Giornata? Cosa ci dice in proposito? “È una giornata molto importante. Papa Francesco l’ha voluta per ricordare l’importanza che dovrebbe avere nella nostra vita cristiana e di credenti quel senso di solidarietà che dovrebbe caratterizzare ogni forma di relazione. Si parla della Festa dei Poveri in ricordo del fatto che noi dovremmo avere sempre più attenzione verso le persone più bisognose. Una attenzione soprattutto di comunicazione, di affetto e di amore come lo faceva Gesù considerando che tutte le volte in cui Lui incontrava le persone bisognose, sentiva un moto viscerale, quello che nella Bibbia i redattori chiamano la commozione viscerale. Per noi è quindi un obbligo, da questo punto di vista, ricordare questa giornata e viverla soprattutto con loro, con i  poveri”. Chi è il povero? “La categoria è molto ampia perché va dalle persone bisognose nel senso materiale alle persone bisognose da un punto di vista spirituale e morale. Con i diaconi, che sono i miei testimoni della solidarietà nella diocesi abbiamo vissuto questa giornata a Barrafranca – ci muoviamo di anno in anno nelle città e quest’anno abbiamo scelto Barrafranca – con i poveri delle case di riposo, cioè queste persone anziane che sono desiderose di avere una parola di conforto, di consolazione,di vicinanza piace chiamare Papa Francesco. Il povero va dalla persona bisognosa materialmente parlando alla persona, spiritualmente parlando, bisognosa perché ogni povero, ogni persona che manifesta e chiede un bisogno per noi è un povero”. Quale il messaggio che Nostro Signore ci ha voluto dare per il povero e che noi dobbiamo tramandare? “I poveri li avrete sempre con voi. È un’espressione molto sintomatica che ci fa capire che noi dovremmo veramente volgere la nostra attenzione verso queste persone che io amo definire gli Amici Di Dio”.  GAETANO MILINO

You may also like

CARABINIERI DI ENNA- PROMOSSO CAPITANO IL TENENTE ANTONIO DI STEFANO

Il Tenente Antonio Di Stefano, Comandante del Nucleo