PIETRAPERZIA. Sofia e Rebecca, 12 e 13 anni, hanno raccolto lattine e altro materiale.

PIETRAPERZIA. Sofia e Rebecca, 12 e 13 anni, hanno raccolto lattine e altro materiale.

- in Pietraperzia

PIETRAPERZIA. Le due ragazzine, armate di tanta pazienza, hanno esplicitato la loro intenzione al comando di Polizia Municipale, comandante il Maggiore Giovanna Di Gregorio, di via Diego Messina, Delegazione Madunnuzza. Le due amiche dell’ambiente – una di loro è di Milano mentre la seconda è di Pietraperzia – sono state dotate, presso lo stesso comando di polizia locale di sacchetti e di guanti. Le due ragazzine sono partite subito e hanno girato le varie strade del paese. Parecchio il materiale da loro raccolto: lattine, bottiglie di vetro, carta, plastica, cicche di sigarette, fazzolettini, cartone che hanno trovato lungo il loro cammino. Al termine, hanno consegnato alla Delegazione Comunale il materiale da loro raccolto che è stato smaltito in maniera ottimale. Sofia e Rebecca, con la loro attività, hanno voluto rendere il paese più pulito e dare l’esempio agli altri ragazzi. A raccogliere il loro appello, il comandante Giovanna Di Gregorio e la funzionaria di Polizia Locale Damiana Di Gregorio. Sofia e Rebecca sono state incoraggiate e lodate.  Le due ragazzine contano di ripetere questa esperienza che loro hanno giudicato “molto edificante”. Il Maggiore Giovanna Di Gregorio afferma: “Queste due ragazze hanno voluto sottolineare il nostro senso civico; anziché sporcare, preveniamo questa sporcizia. Loro hanno raccolto questo materiale ma non perché i ragazzi sono incivili ma per sensibilizzare gli altri perché anche nelle famiglie si parli di queste cose che aiutano a diventare grandi”. “Da parte nostra – continua il Maggiore Giovanna Di Gregorio – siamo impegnati in una azione preventiva per coinvolgere, oltre alle  famiglie, anche la Scuola e le varie Istituzioni ed Associazioni e quant’altro per invogliare i cittadini, gli studenti, gli associati a collaborare con le amministrazioni per favorire la raccolta differenziata”. Giovanna Di Gregorio continua: “Purtroppo assistiamo, ancora oggi, a lanci di spazzatura dalle macchine.

Questo non è sicuramente un gesto di amore nei confronti di Pietraperzia. Se amiamo il nostro Paese,  dobbiamo anche renderlo presentabile perché abbiamo visto che, dopo un incendio in contrada Piano Noci,  sotto le sterpaglie c’erano bottiglie e sporcizia varia. Ciò sta a significare che, oltre a queste ragazze che hanno fatto questa iniziativa lodevole, ci sono altri che buttano per terra lattine, bottiglie e i contenitori di plastica da loro utilizzato”. Il Maggiore Giovanna Di Gregorio conclude: “Questo è veramente doloroso. Il nostro auspicio è che tali atti di inciviltà non abbiano più a ripetersi ma che prevalgano la pulizia, l’ordine, il rispetto e l’amore per l’Ambiente e per tutto quanto ci circonda”. Damiana Di Gregorio dichiara: “Sofia e Rebecca hanno raccolto tutto il materiale che altri non avevano smaltito correttamente ma buttato a terra. Le due ragazzine hanno raccolto tutto questo materiale – continua Damiana Di Gregorio – in viale Unità D’Italia – ex viale dei Pini – e in viale Marconi, nello spiazzale antistante l’edificio di scuola Secondaria di Primo Grado Vincenzo Guarnaccia. Le due hann raccolto due sacchetti di materiale oltre ad una bottiglia piena di cicche di sigarette”. “Dietro ogni bambino – continua Damiana Di Gregorio – c’è lo specchio dei genitori che hanno parlato loro della civiltà, della pulizia del paese e del rispetto dell’Ambiente. I ragazzi sono come le spugne; assorbono ciò che sentono a casa. I nostri complimenti per queste due ragazzine ma crediamo che, come loro, ce ne siano tanti altri che vorrebbero possibilmente essere coinvolti a fare questo”. “Sofia e Rebecca – conclude Damiana Di Gregorio – hanno impiegato due mattinate del loro tempo libero ma esse ci hanno detto che sono intenzionate a fare altro lavoro e cercano altri ragazzi da coinvolgere in tali attività”. GAETANO MILINO

You may also like

ENNA, SABATO SCORSO LA “GIORNATA MONDIALE DEL DONATORE DI SANGUE” FRATRES CEM. SANGUE, ENNA CAPOLUOGO VIRTUOSO

Enna, per un giorno, capitale della donazione di