ROMA. Sicilia, nuove linee guida per le concessioni demaniali.

ROMA. Sicilia, nuove linee guida per le concessioni demaniali.

 ROMA. Il senatore Trentacoste (M5S): ennesimo scempio ai danni dell’ambiente concepito dalla giunta musumeci, sotto attacco un’importante porzione del territorio siciliano e del suo ecosistema: le spiagge. “L’ennesimo scempio ai danni dell’ambiente concepito dalla Giunta Musumeci. Questa volta, sotto attacco un’importante porzione del territorio siciliano e del suo ecosistema: le spiagge. Aree sensibili per l’assetto idrogeologico e per la fauna selvatica e patrimonio di tutti coloro che vogliono vivere liberamente il mare”. Così, il senatore del Movimento 5 Stelle Fabrizio Trentacoste critica le nuove linee guida per le concessioni demaniali emesse dalla Regione Siciliana. “Nei giorni scorsi, l’Assessore al Territorio e Ambiente, Totò Cordaro, – continua il senatore Cinquestelle – ha emanato il nuovo Decreto che riduce le distanze fra i lidi attrezzati da 100 a 25 metri. In tutta l’Isola, la superficie per le aree attrezzate per la balneazione passa da 2000 a 5000 metri quadri”.

Si tratta di una decisione scellerata – conclude Trentacoste – che avrà pesanti conseguenze per l’ecosistema e la salute già precaria delle spiagge e del mare. In molti punti delle coste, non ci sarà più posto per la ‘vita’ naturale: basti pensare alla Playa di Catania, luogo di deposizione per le tartarughe Caretta Caretta. Non si può pensare di infrastrutturare e organizzare ogni lembo disponibile del nostro territorio, per ospitare attività economiche e fare cassa, a vantaggio di pochi e sacrificando l’ambiente: la natura ha bisogno dei suoi spazi”.

Frana SS 188 Sambuca di Sicilia – Giuliana. In corso la progettazione e le indagini diagnostiche. L’inizio dei lavori previsti dopo l’estate. Marinello (M5S): “Scongiurare tempi morti, c’è il pericolo di altre frane”. GAETANO MILINO

Previous Il video “U TRUNU” realizzato dall’Università di Torino nel 1993
Next PIETRAPERZIA. Il ricordo delle Crociere Aeree di Balbo a Pietraperzia.