Droga: Anche un pietrino tra i 15 arrestati dalla Squadra Mobile tra Caltanissetta, Palermo e Agrigento

Droga: Anche un pietrino tra i 15 arrestati dalla Squadra Mobile tra Caltanissetta, Palermo e Agrigento

L’ordinanza emessa dal G.I.P. del Tribunale di Caltanissetta, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia presso la Procura della Repubblica.

Un imponente traffico di droga tra Caltanissetta, Palermo e Agrigento è stato fermato stamattina dai poliziotti della squadra mobile nissena che, in collaborazione con i colleghi di Palermo e Agrigento e con quelli del Reparto prevenzione crimine e delle Unità cinofile, hanno arrestato 15 persone, 14 in carcere e 1 agli arresti domiciliari.

I destinatari dei provvedimenti sono accusati di associazione per delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti, in particolare hashish, marijuana e cocaina.

L’indagine ha fatto luce su tutti i canali di rifornimento, sui singoli ruoli degli indagati e sull’entità dello smercio di stupefacenti.

Il capo dell’organizzazione negli ultimi tempi si era trasferito a Porto Empedocle (Agrigento), dove si era perfettamente inserito nell’ambiente criminale del luogo tanto da usufruire di un appartamento della famiglia mafiosa locale dei “Messina”. Il criminale, nonostante si fosse allontanato da Caltanissetta probabilmente perché si sentiva pressato dalle Forze dell’ordine, continuava, insieme alla moglie che lo aiutava nello smercio della droga, a mantenere i rapporti Palermo, sua città natale, dove coordinava e gestiva le varie forniture di droga che venivano effettuate per le zone di Caltanissetta ed Agrigento.



Sono finiti in carcere: i nisseni Capuzzo Antonio, 32 anni; Turco Francesco, 35 anni; Pesce Michele Christian, 36 anni; La Iacona Andrea, 35 anni; Tripisciano Michele Giuseppe, 33 anni (attualmente sottoposto a detenzione domiciliare); Ventura Marco Michele, 32 anni; i palermitani Ferdico Francesco Paolo, 54 anni; Ferdico Giuseppe, 44 anni (attualmente detenuto); Gagliano Gaetano, 31 anni; Lena Francesco, 34 anni; Giallanza Daniele, 46 anni (attualmente sottoposto agli arresti domiciliari); La Cara Pietro, 42 anni (attualmente sottoposto all’obbligo di dimora); l’agrigentino Catania Francesco, 35 anni, di Siculiana (AG); il pietrino Di Marca Giovan Battista, 42 anni di Pietraperzia (attualmente detenuto) già coinvolto nella operazione “Perieci” del 16 dicembre 2018. Agli arresti domiciliari è finita Gagliano Gaetana, moglie di Francesco Paolo Ferdico.

L’indagine ha permesso di individuare il canale di rifornimento; i soggetti coinvolti, dai fornitori ai consumatori finali; il ruolo di ogni singolo attore; l’entità della sostanza stupefacente commercializzata, quantificabile in 2/3 chili ogni 15/20 giorni.


Previous ENNA. Distribuzione degli immigrati in provincia di Enna. Approvata la graduatoria dei posti disponibili
Next Barrafranca. Assolto dopo 8 anni per scambio di persona