Enna. “Lo scompenso cardiaco. Diagnosi e strategie terapeutiche”

Enna. “Lo scompenso cardiaco. Diagnosi e strategie terapeutiche”

- in Barrafranca

Enna Nonostante i recenti progressi nella comprensione dei meccanismi e negli sviluppi di nuove strategie terapeutiche, la diagnosi dello scompenso cardiaco è paragonabile a quella dei tumori maligni, con una mortalità tuttora alta. La durata della vita si allunga e di “mal di cuore” non si muore più o quasi ed è per questo che la sfida per i cardiologi aumenta. Lo scompenso cardiaco è una patologia misteriosa quanto comune, non ha età per verificarsi ed è causato da molteplici fattori: dall’infarto del miocardio agli effetti di tossicità causati dai farmaci chemioterapici ad un’eccessiva sollecitazione dovuta ad ipertensione. La Cardiologia dell’Umberto Primo di Enna, per i suoi vent’anni di attività, ha puntato i riflettori proprio su “Lo scompenso cardiaco. Diagnosi e strategie terapeutiche”, con un convegno che ha visto dialogare medici ospedalieri e del territorio. Direttore scientifico del convegno Lello Vasco, direttore del Dipartimento di Medicina e del reparto di Cardiologia dell’ospedale ennese e responsabile del coordinamento scientifico, la cardiologa Stefania Grasso

“Si è creato un primo punto di comunicazione tra l’ospedale ed il territorio – ha commentato soddisfatto il primario Vasco – infatti i cardiologi dell’ospedale di Enna hanno presentato ai colleghi tutte le possibilità di cura e diagnosi, di secondo e terzo livello, che si offrono nel reparto che dirigo. Dalla terapia elettrica dello scompenso alla diagnosi fine, attraverso la tecnologia all’avanguardia, patrimonio dell’ospedale e dell’Azienda”

Una giornata amarcord che ha percorso la nascita e l’evoluzione del reparto, dalla petizione con 10 mila firme presentato alla regione nel ’98 per istituire l’unità cardiologica a Enna a oggi, fiore all’occhiello per la diagnostica e la terapia. Molti i presenti che hanno voluto omaggiare il reparto – che ha ottenuto un plauso dal cardio chirurgo del centro Ismett, Michele Pilato e del primario di Cardiologia di Sciacca Ennio Ciotta per la dinamicità e la crescita costante – con un ricordo personale e professionale prima di concentrarsi sulla disquisizione di tematiche quali l’approccio integrato allo scompenso cardiaco, i possibili scenari, il corretto uso della diagnosi strumentale, i modelli di cura a gestione cardiologica e le nuove strategie alternative nella terapia dello scompenso calando gli interventi su casistiche e casi specifici. Dalla giornata sono emerse nuove strategie possibili ed evidenziate difficoltà da parte dei medici del territorio. A riguarda questi ultimi sono stati incoraggiati dall’equipe di Vasco in primis a cercare un raffronto e un appoggio con il nosocomio ennese al quale affidare i propri pazienti ed indirizzarli nei tanti percorsi offerti, dalla riabilitazione cardiologica, all’elettrofisiologia, all’ecodoppler vascolare periferico, sino alla diagnostica (in collaborazione con Radiologia e Medicina Nucleare). A tal proposito è stato realizzato un opuscolo informativo – scaricabile anche dal portale www.asp.enna.it – nel quale è illustrata l’offerta sanitaria proposta dal reparto con nominativi dei medici referenti e contatti telefonici degli ambulatori.

“Una giornata importante – ha dichiarato il direttore sanitario Emanuele Cassarà, che ha portato i saluti della direzione aziendale –  perché corona un percorso portato avanti negli anni dal dottore Vasco e da tutta la sua equipe. Un percorso che ha portato la Cardiologia di Enna a diventare un punto di riferimento per quando riguarda la diagnostica e la terapia, perché in Sicilia, Cardiologie come quelle dell’Umberto Primo credo che siano pochissime”. E ha concluso: “Con l’istallazione della Cardio- Tac si completerà parte della dotazione per la diagnostica per immagine, un fiore all’occhiello per l’ospedale e per l’Asp. Noi aspettiamo tra l’altro l’approvazione dell’ultima bozza della rete ospedaliera perché finalmente anche ad Enna avremo l’emodinamica, abbiamo già un progetto esecutivo ed i finanziamenti”

Durante la giornata molta attenzione ha ricevuto la cardio – oncologia, un ambulatorio, eccellenza del reparto nato nel 2016 in stretta collaborazione con i colleghi oncologi. A parlare dell’attività svolta è stata la responsabile Pamela Licata, che ha fatto luce sulle nuove terapie mirate e personalizzate rispetto a quelle convenzionali di anno fa che rispondono ai diversi gradi di tossicità (acute, croniche, tardive). A selezionare i pazienti da sottoporre alla valutazione cardiologica sono infatti gli oncologi che seguono un protocollo condiviso. La valutazione cardiologica consiste nella visita, nella esecuzione di un elettrocardiogramma, nella attenta e precisa valutazione della funzione contrattile del miocardio.

Vasco approfittando della nutrita platea di colleghi ha lanciato un messaggio anche ai pazienti, ai cardiopatici cronici: “I cardiologi dell’Umberto Primo, rispondono a telefono.  Se qualche malato – ha detto il primario – trova difficoltà al Cup per prenotare con urgenza un controllo è invitato a contattare il reparto, sarà nostra cura prestare attenzione al caso, tenendo conto della gravità della situazione”.  L’idea del reparto è quella di agevolare e “proteggere” il paziente rendendo ragionevoli i tempi di attesa. Proprio nei termini di una sanità più umana, come è emerso dal convegno, la Cardiologia ha stretto un rapporto fiduciario e professionale con l’Ismett, il centro trapianti d’eccellenza siciliano al quale vengono sottoposti i pazienti per interventi cardio-chirurghi e dal quale vengono inviati ad Enna per la riabilitazione.

 

L’addetto stampa per conto di ZeroTre

Angela Montalto

You may also like

ENNA, SABATO SCORSO LA “GIORNATA MONDIALE DEL DONATORE DI SANGUE” FRATRES CEM. SANGUE, ENNA CAPOLUOGO VIRTUOSO

Enna, per un giorno, capitale della donazione di