Barrafranca. Raccolta rifiuti si cambia, differenziata ai nastri di partenza

Barrafranca. Raccolta rifiuti si cambia, differenziata ai nastri di partenza

Con l’ordinanza n. 6 del 10/05/2018 -è stato affidato  temporaneamente, mediante ordinanza contingibile ed urgente, il servizio di raccolta differenziata dei rifiuti ed assimilati nel territorio del Comune di Barrafranca e conferimento in discarica autorizzata a decorrere dal 17 Maggio e fino al 16 Novembre, alla ditta Co. Ge. Si. in attesa che l’UREGA di Enna aggiudichi la gara in maniera definitiva. L’azienda è iscritta regolarmente all’albo nazionale dei gestori ambientali ed alla White List di Palermo, insomma ha tutte le carte in regola per poter espletare un servizio di raccolta di qualità. Saranno salvaguardati i posti di lavoro dei 22 operatori, che passeranno alle dipendenze della nuova società.

“La prossima settimana saranno distribuiti i volantini per la programmazione della raccolta differenziata ” esordisce così il Sindaco Fabio Accardi “naturalmente sarà dato ampio spazio ai mezzi di informazione affinchè tutti i cittadini capiscano che questa volta sarà quella buona”. Esprime soddisfazione il primo cittadino barrese per il risultato ottenuto, di non poco conto, visto che qualche anno fa la situazione era drammatica. Ma la situazione politica in questo momento n0n è delle migliori, le stesse tariffe potrebbero abbassarsi sensibilmente se il comune non fosse in condizione di dissesto, ma il sindaco  Accardi conclude “sono fiducioso che questa è la strada giusta per risolvere brillantemente anche gli altri di problemi, dobbiamo solo  affrontarli con lo stesso spirito e con l’aiuto di tutti”. Parte la raccolta differenziata, dunque, con il porta a porta, è fondamentale la collaborazione dei cittadini affinché il servizio possa funzionare correttamente,  ed è altrettanto importante la continuità e la corretta gestione per avere una città pulita ed a misura d’uomo.

Previous Don Luca Crapanzano pubblica un volume sul teologo e filosofo russo Pavel Florenkij
Next Pietraperzia. Concluso il progetto “Alla scoperta delle nostre radici”