Barrafranca. Una chiesa Madre stracolma di persone dà l’ultimo saluto ad Antonio Zuccalà

Barrafranca. Una chiesa Madre stracolma di persone dà l’ultimo saluto ad Antonio Zuccalà

- in Barrafranca, Cronaca Barrafranca

BARRAFRANCA. L’ex impiegato comunale barrese era stato ucciso mercoledì 14 febbraio, giorno di San Valentino, nella sua campagna di contrada Friddani, lungo la provinciale 15 Barrafranca Piazza Armerina. La salma è arrivata in chiesa alle 15,45. Per tutto il tragitto, dalla sua casa di via Francesco Paolo Di Blasi 35, – una traversa di viale Signore Ritrovato – la bara è stata portata a spalla da amici e conoscenti. In prima fila, al corteo funebre, preceduto dal gonfalone del Comune di Barrafranca, la moglie Borina Cumia. Ai suoi lati, i due figli, l’avvocato Livio e e l’architetto Yuri. La messa celebrata dal parroco della matrice don Giacomo Zangara. In chiesa i canti a cura del coro parrocchiale. Don Zangara, all’omelia, ha detto: “Ancora una volta presiedo le esequie di una persona strappata alla vita”. “Nessuno – ha continuato il parroco – ha il diritto di togliere la vita, dono di Dio”. “La vita è sacra”. Ed ha continuato: “La cattiveria degli uomini ha preso il sopravvento. Dinanzi alla morte siamo tutti smarriti ma, agli occhi di Gesù, siamo preziosi”. “In questo momento ascoltiamo la voce del Crocifisso che dice: ‘Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?’ È il grido di tutti noi davanti al mistero della morte che toglie le persone care. Questo grido diventa alba della Risurrezione. Nella nostra fede diciamo che Antonio non è più presente tra di noi ma al cospetto di Dio. Il nostro fratello Antonio vive nel mistero del Cristo Risorto e si unisce a questa preghiera nel rendere lode a Dio”. “Raccomandiamolo perché Dio cancelli ogni umana fragilità e lo ammetta nella vita eterna”. Al termine della messa, un messaggio è stato letto da Yuri, secondogenito di Antonio Zuccalà. È stato un discorso toccante ma abbastanza duro nei confronti dell’assassino di suo padre. “Nostro padre è stato un uomo molto responsabile nei confronti della moglie e dei figli”. “Lui – ha continuato Yuri Zuccalà – amava aiutare piuttosto che chiedere aiuto. Chissà che non abbia aiutato anche chi gli ha tolto la vita. Talvolta l’uomo alimenta invidia e odio contro chi aiuta il prossimo”. “Lui ci lascia una grande ricchezza morale”. “Ad andare via – ha concluso Yuri Zuccalà – è il suo corpo non il suo cuore, il suo pensiero e il suo spirito. Spero che questo messaggio arrivi al destinatario che nasconde la propria identità come un codardo”. A conclusione del suo discorso si è levato uno scrosciante e lungo applauso. Le persone che hanno voluto testimoniare il loro affetto erano così tante che è stata impiegata più di un’ora – dalla conclusione della messa – nei ringraziamenti. La celebrazione eucaristica si era conclusa alle 16,50 ma il carro funebre è partito alla volta del cimitero dopo le 18. GAETANO MILINO

You may also like

PIETRAPERZIA. VIDEO.Festa a scuola con gli ex alunni e con i piccoli allievi di oggi.

 L’omaggio tributato all’insegnante di Scuola dell’Infanzia Giovanna Di