Pietraperzia – Prevista normalizzazione al CUP (Centro Unico di Prenotazione)

Pietraperzia – Prevista normalizzazione al CUP (Centro Unico di Prenotazione)

PIETRAPERZIA. Prevista normalizzazione al CUP (Centro Unico di Prenotazione). Avvenuto l’incontro fra Il sindaco Antonio Bevilacqua e il direttore generale dell’Asp di Enna Giovanna Fidelio. Al centro della discussione la soppressione del CUP (Centro Unico di Prenotazioni) attivo presso il poliambulatorio di Pietraperzia. In atto il dipendente del CUP di Pietraperzia Franco di Calogero è stato trasferito al contro distretto di Piazza Armerina il cui responsabile è Piero Nocilla.

La richiesta del sindaco e dei consiglieri comunali è stata chiara e perentoria: lasciare le cose come stanno e non depotenziare un servizio che ha funzionato bene in questi anni. E’ stato contattato il Direttore del Distretto ed è stato acquisito l’impegno di ristabilire la corretta funzionalità dell’ufficio nel giro di poche settimane.

Attualmente, infatti, è stato destinato al servizio il dipendente Salvatore Calì per due ore la mattina, il quale è responsabile del servizio di Igiene Pubblica e deve occuparsi anche di questo servizio, con la conseguenza che solo durante le prime ore della giornata risulta possibile effettuare le prenotazioni e gli utenti – per la maggior parte anziani – sono costretti a ritornare più volte per completare le prenotazioni.

L’impegno della dottoressa Fidelio dell’ASP è stato preso alla presenza del sindaco e del consigliere comunale di maggioranza Filippo Bevilacqua che dichiara: “A nome del consiglio comunale siamo parzialmente soddisfatti, perché siamo riusciti a dimostrare l’importanza che riveste questo servizio per la collettività. Staremo costantemente in contatto con l’ASP affinché provveda a ristabilire il corretto funzionamento del servizio nel più breve tempo possibile”.

“Noi siamo allertatati – afferma il dottor Antonio Viola dell’opposizione – fino a quando non si normalizza la situazione. Al CUP di Pietraperzia c’è stato il ragioniere Franco Di Calogero e la normalizzazione è che questi ritorni al suo posto”.

Previous E' un ex questore alla guida del Libero Consorzio Comunale di Enna
Next Sinergia tra il Comitato del Carnevale e il corpo docenti per le scuole per la sfilata in maschera