Presso la Biblioteca Comunale di Barrafranca si è svolta la manifestazione “In biblioteca: racconti, fiabe e filastrocche di carnevale”

Presso la Biblioteca Comunale di Barrafranca si è svolta la manifestazione “In biblioteca: racconti, fiabe e filastrocche di carnevale”

Venerdì 26 gennaio 2018 presso la Biblioteca Comunale di Barrafranca (EN) sita in Piazza Fratelli Messina,  si è svolta la manifestazione “In biblioteca: racconti, fiabe e filastrocche di carnevale”. Questo secondo incontro fa parte di tutte quelle iniziative inserite nel programma di  “Nati per Leggere”, promosso dall’ACP Associazione Culturale Pediatri; dall’AIB Associazione Italiana Biblioteche e dal CBS Centro per la Salute del Bambino.

“Nati per Leggere” è un progetto che ha come obiettivo la diffusione capillare della lettura tra i bambini da zero a sei anni attraverso la collaborazione fra bibliotecari e pediatri. Nasce dalla convinzione che la lettura sia un’opportunità fondamentale di sviluppo della persona. Per questo motivo, il progetto è stato premiato due anni fa dal Ministero per i beni e le attività culturali come “Migliore manifestazione di promozione del libro e della lettura di rilevanza nazionale”.

 

I bambini della scuola dell’infanzia G. Novelli, con le operatrici e i ragazzi del Liceo

A questo secondo incontro, svoltosi alla Biblioteca comunale di Barrafranca,  hanno partecipato 20 bambini dell’età di 5 anni, accompagnati dalle loro maestre, che frequentano la scuola dell’Infanzia “Gino Novelli” dell’Istituto Comprensivo “San Giovanni Bosco” di Barrafranca, diretto dal dott. Filippo Aleo. L’invito è stato esteso anche ai loro genitori, con lo scopo di sensibilizzare le famiglie alla lettura. Per l’occasione, all’interno della Biblioteca è stata allestita una stanza con tappeti e disegni di cartoni animati e, tra la curiosità e la gioia dei bambini, sono state lette fiabe e racconti sul carnevale. Il tutto è stato allietato dall’esecuzione di brani musicali, eseguiti da Simone Marino al flauto e Demian Spagnolo alla chitarra, che fanno parte del progetto alternanza scuola-lavoro promosso dal Liceo Scientifico “G. Falcone” di Barrafranca. Altri ragazzi sempre del suddetto Liceo, hanno aiutato le operatrici della Biblioteca Liboria Tambè, Lucia Collerone e Anna Maria Avola a raccontare, ad alta voce, le storielle di Arlecchino, Balanzone e di altre maschere carnevalesche. E’ importante abituare i bambini piccoli alla lettura ad alta voce, perché stimola la curiosità per i libri e li abitua alla lettura. Tutto ciò permette un sano sviluppo linguistico, sociale e culturale.

Rita Bevilacqua

Previous Relazione del segretario provinciale Assostampa Enna, Trovato: "Si assiste da tempo, in questa provincia, a un sistematico tentativo di delegittimazione degli organi di informazione"
Next L’alunna barrese SIMONA GIUNTA vince il primo premio al concorso “La Shoah, gli eccidi nazisti e i luoghi della guerra”.