Pietraperzia. Il Comune è uscito dall’ATO Rifiuti

Pietraperzia. Il Comune è uscito dall’ATO Rifiuti

Il Comune di Pietraperzia è uscito una volta per tutte dalla gestione ATO rifiuti. Ad annunciarlo è il Sindaco Antonio Bevilacqua. “Dopo anni di gestioni ballerine e di incertezza – dichiara il sindaco di Pietraperzia – sia per netturbini che per gli utenti, siamo riusciti a concretizzare l’uscita dalla gestione ATO rifiuti”. E continua: “Lo avevamo promesso in campagna elettorale e lo abbiamo realizzato. Siamo il quarto Comune della provincia ad aver fatto questo passo. Ciò significa che, finalmente, quest’anno potremo programmare e concretizzare i tanti progetti sulla raccolta differenziata”. “Nel frattempo, però, occorre ricordare – scrive il sindaco di Pietraperzia – le regole basilari attualmente vigenti: i rifiuti si possono gettare nei cassonetti solo a partire dalle ore 16 di tutti i giorni – ad esclusione del sabato, giorno in cui è vietato gettare rifiuti. Invece, è possibile conferire le frazioni differenziabili – vetro, carta e plastica – senza limiti di tempo a condizione che vengano gettate all’interno delle apposite campane. In proposito, però, si evidenziano degli abusi”. È il consigliere comunale del Movimento 5 Stelle Filippo Bevilacqua che elenca puntigliosamente tali abusi: “Campane vuote e sacchetti con carta, plastica e vetro (tutti insieme appassionatamente) a terra. È possibile trovare una spiegazione razionale a questo comportamento?” Se lo chiede lo stesso Consigliere Comunale Filippo Bevilacqua che lancia la segnalazione sul social network Facebook: “Oggi ho preso il vostro sacchetto ed ho provveduto ad inserire i materiali nelle apposite campane. Apprezzabile l’intenzione, ma così piuttosto che aiutare, sdirrupate. Come diceva la maestra, “è capace, ma non si applica”. Gaetano Milino

Previous Barrafranca, conferenza stampa di presentazione Carnevale 2018
Next Barrafranca. Consiglio comunale chilometrico per il 1 di febbraio con numerosi punti all’ordine del giorno