Aidone – Proclamato lo stato di agitazione dei lavoratori del polo museale ennese

Aidone – Proclamato lo stato di agitazione dei lavoratori del polo museale ennese

“Abbiamo dichiarato lo stato di agitazione del personale del polo museale di Piazza Armerina – Aidone – Morgantina – Enna e Centuripe perché l’Amministrazione Regionale non è nelle condizioni di mantenere fede ai dettami contrattuali.

Con l’attuale dotazione organica non si è in grado di garantire la turnazione del personale di custodia e vigilanza, venendo meno alla corretta applicazione degli stessi istituti contrattuali.
Più volte, da parte del Dirigente preposto alla guida del polo museale, sono state indirizzate note al Dipartimento Regionale dei Beni Culturali tendenti a rappresentare le grosse difficoltà che si manifestano nell’organizzazione del lavoro ma nessuna risposta è mai pervenuta.

Nell’ultima riunione di delegazione trattante tutte le Organizzazioni Sindacali abbiamo stigmatizzato sul comportamento assunto dal Dipartimento, in quanto i problemi che sono emersi necessitano di un intervento assessoriale, vista, anche, l’importanza dei siti di cui parliamo ovvero Villa Romana del Casale, Morgantina e del Museo di Aidone; nello specifico emergono fortissimi problemi dotazionali sia dal punto di vista delle risorse umane sia dal punto di vista finanziario.

Chiederemo un incontro al Dipartimento Regionale dei Beni Culturali in quanto la problematica va affrontata in maniera adeguata senza se e senza ma, anche perché i siti sopracitati, fra l’altro, si annoverano fra quelli che producono cospicue entrate per le casse regionali”.

FIRMATO PER LE SEGRETERIE PROVINCIALI:

CGIL FP GIOVANNI LAVALLE
CISL FP FRANCESCA DI MAGGIO
UIL FPL GIUSEPPE ADAMO – MARIO POLIZZI
COBAS SALVATORE RUGNONE
SADIRS SALVATORE MIRAGLIA
UGL SALVATORE PATRIZIO ROCCAFORTE – CONCETTO BORGESANO
SIAD FABRIZIO CIANCIOLO

Previous Senza il voto sull'ipotesi di bilancio riequilibrato come si può andare avanti a governare la citta?
Next Il giornalista Valerio Martorana concorre con il PRI per un posto al Senato