Consiglieri del M5S presentano interrogazione sulla mancata relazione annuale del sindaco

Consiglieri del M5S presentano interrogazione sulla mancata relazione annuale del sindaco

Presentata un’interrogazione a firma dei tre consiglieri comunali del M5S, Katia Baglio, Alice Crapanzano e Alessandro Tambè secondo cui il sindaco e di conseguenza l’amministrazione comunale non hanno presentato la relazione annuale sullo stato di attuazione del programma e sull’attività svolta. Segue il testo integrale:

I sottoscritti Consiglieri Comunali,
PREMESSO
– che l’art. 17, comma 1, della Legge Regionale del 26 Agosto 1992 n. 7 e s.m.i., prevede che il Sindaco ogni anno presenti una relazione scritta al Consiglio Comunale, sullo stato di attuazione del programma e sulla attività svolta, nonché su fatti particolarmente rilevanti;
– che l’art. 43, comma 1, dello Statuto Comunale prevede che, il Sindaco ogni sei mesi, presenta una relazione scritta sullo stato di attuazione del programma e sull’attività svolta, nonché su fatti particolarmente rilevanti al Consiglio Comunale che, entro 10 giorni dalla presentazione, ai sensi del secondo comma, esprime in seduta pubblica le proprie valutazioni.
CONSIDERATO
– che sia la relazione annuale che quella semestrale sullo stato di attuazione del programma e sull’attività svolta, rappresentano un importante momento di verifica previsto dalla legge per controllare se il programma presentato agli elettori trova corrispondenza con l’attività prodotta;
– che la S.V, da quando si è insediata nel nostro Comune, non ha mai presentato la predetta relazione violando pertanto le leggi vigenti in materia;
– che le pubbliche amministrazioni sono tenute ad operare osservando i PRINCIPI DI LEGALITA’ E DI TRASPARENZA.
PRESO ATTO
– che ai sensi dell’art. 27 della L.R. n. 7/92 il Sindaco è tenuto a rispondere agli atti ispettivi dei consiglieri comunali entro trenta giorni dalla loro presentazione, presso la segreteria del Comune.
– che il comma 2, della medesima disposizione dispone che: “Le ripetute e persistenti violazioni degli obblighi di cui al comma 1 del presente articolo, al comma 9 dell’articolo 12 e dell’articolo 17 sono rilevanti per l’applicazione dell’articolo 40 della legge n. 142/1990 così come recepito e modificato dall’articolo 1, lettera g), della legge regionale n. 48/1991”;
– l’art. 40, della Legge 142/90, dispone la rimozione e sospensione degli amministratori di enti locali, quando compiano atti contrari alla Costituzione, per gravi e persistenti violazioni di legge, per gravi motivi di ordine pubblico, quando siano imputati di uno dei reati previsti dalla Legge 13 settembre 1982, n. 646, e s.m.i., o sottoposti a misura di prevenzione o di sicurezza;
VISTI
– l’ordinamento amministrativo degli Enti locali;
– lo Statuto Comunale ed il Regolamento per le adunanze ed il funzionamento del Consiglio Comunale;
INTERROGANO
il sig. Sindaco per conoscere:
1. Se ritiene o non ritiene grave la costante e perseverante condotta del non porre in essere gli atti previsti dalle leggi vigenti;
2. Se quantomeno intende porre parzialmente rimedio alla propria condotta omissiva.
Si chiede risposta scritta e orale. Attesa l’importanza della stessa, si chiede altresì, che la presente interrogazione sia inserita nell’ordine del giorno della prima seduta consiliare utile.

Previous Pietraperzia. In consiglio comunale il ripiano disavanzo 2016
Next La festa del Santissimo Crocifisso di Papardura Enna