Pietraperzia. Documentario sul Calendario Solare Megalitico in contrada “Rocche”

Lo ha presentato, con un filmato, lo storico barrese Liborio Centonze. La conferenza si è tenuta nel chiostro dell’ex convento Santa Maria di Gesù di piazza Vittorio Emanuele. Ad organizzare il tutto, la Pro Loco di Pietraperzia, presidente la professoressa Alessia Falzone. Al tavolo della presidenza, il vicesindaco di Pietraperzia Laura Corvo, il geologo Salvatore Palascino, Alessia Falzone, Liborio Centonze e l’astronomo Carmelo Falco. Intermezzi musicali a cura di Jessica Fazio. Moderatrice Alessia Falzone. Tra il numeroso pubblico, l’editore messinese Armando Siciliano e il presidente della Pro Loco di Barrafranca Filippo Salvaggio. Ad apertura dei lavori, l’assessore Laura Corvo ha detto: “Grazie agli studi dello storico Bobbò Centonze, noi abbiamo la possibilità di conoscere il nostro territorio. Talvolta non ci accorgiamo di tante bellezze e di tanta storia che abbiamo intorno”. Centonze, nel presentare il filmato, ha spiegato che “Gli antichi sviluppavano la cultura dei raggi solari. Il bambino nasce – ha continuato lo storico barrese – “perché lo vuole la Terra. Cerere era la garante del matrimonio”. Il video, con riprese a cura del giornalista Renato Pinnisi è stato realizzato con il patrocinio del Comune di Pietraperzia grazie al sindaco Antonio Bevilacqua. . Le ricerche storiche, quindi da parte del professore Liborio Centonze. L’evento curato dalla Pro Loco di Pietraperzia e dalla presidente Alessia Falzone. Mixage del tecnico barrese Lillo Privitelli. Nello stesso filmato vengono mostrati i vari momenti del “viaggio” del sole in cielo durante il solstizio d’estate del 21 giugno. Durante la conferenza, Alessia Falzone ha proposto una escursione, il prossimo 21 dicembre, in contrada Rocche. Il calendario solare Megalitico si trova in contrada Rocche nell’Occhio della Balena. Il punto veniva chiamato dagli antichi pastori “a grutta du lampu”, “La Grotta del fulmine. Proprio da quel buco entravano ed uscivano i fulmini che colpivano le greggi che si arrampicavano nel costone roccioso. Lo storico barrese ha poi mostrato i “divani” in pietra di contrada “Balate”. “Dobbiamo salvaguardare – ha concluso Centonze – il nostro passato. Una società non può esistere senza il passato”. Alessia Falzone ha chiesto a Carmelo Falco se l’allineamento astrale di oggi corrisponde a quello del passato. L’astronomo agrigentino ha risposto: “L’allineamento astrale di oggi con corrisponde con quella del passato. La Stella Polare di oggi non è quella di 12 mila anni fa. Quella che vediamo oggi non è quella che si vedeva ieri” e lo ha mostrato, con degli esempi, al computer. Il geologo Salvatore Palascino: “In contrada Tornambè esisterebbe una struttura megalitica. Se questo corrispondesse al vero, sarebbe una scoperta di notevole importanza”. Il presidente della Pro Loco di Barrafranca Filippo Salvaggio: “”Bisogna mettere a frutto tutte le energie per scoprite tutte le bellezze del nostro territorio”. GAETANO MILINO

Previous Donazione Avis in programma il 26 agosto dalle 8,30 alle 11,30
Next Pietraperzia. Cavalli, amazzoni e fantini alla 3 edizione del “Memorial Lillo Cagno”