Pietraperzia. Festa di San Rocco molto partecipata e spettacolo finale con Sasà Salvaggio

La festa al culmine della novena del compatrono di Pietraperzia. La giornata era cominciata di mattina con la banda musicale del maestro Salvatore Chiolo in giro per le strade del paese. Di sera, messa vespertina nella chiesa San Rocco. Al termine, processione per le vie del paese. Questo il tragitto: Piazza Vittorio Emanuele, Vie Barone Tortorici, Garibaldi, Rosolino Pilo, Umberto I°, piazza Vittorio Emanuele, Vie Roma, Trento, Sabotino, Stefano Di Blasi, Oberdan, Dogali, Generale Cascino, Sant’Orsola, Della Pace, Stefano Di Blasi e rientro nella chiesa San Rocco con preghiera finale. Subito dopo, è cominciata la serata “leggera”. Sul palco sono saliti il sindaco Antonio Bevilacqua per il discorso consuntivo della sua attività amministrativa. Insieme a lui, gli assessori Laura Corvo, Chiara Stuppia e Michele La Placa. Sullo stesso palco, il presidente del consiglio comunale Rocco Miccichè, il maresciallo Giuseppe Geraci e l’ispettore capo Gino Stringi, rispettivamente comandante e vicecomandante di carabinieri e polizia municipale di Pietraperzia. Al termine del discorso del primo cittadino, è stata recitata una lunga poesia su Pietraperzia composta da Salvatore Giordano, emigrato a Torino tanti anni fa. Subito dopo, è cominciato lo spettacolo. Direttore artistico Lorenzo Messina. Service Nicola Cigna di Riesi. A presentare, Ernesto Trapanese. Sul palco, prima di tutti, è salita la cantante italo-belga Océan Bonura di 16 anni. Suo padre, Luciano, è di Pietraperzia. Sua madre, invece, Geraldine Rolet, è belga. Océan ha cantato numerosi brani che hanno incantato il numeroso pubblico presente in piazza Vittorio Emanuele. Per l’occasione sono arrivate a Pietraperzia numerose persone da altri paesi tra cui Caltanissetta, Barrafranca, Riesi, Agrigento, Catania e da numerosi altri centri. In paese era molto difficile trovare un parcheggio per le numerose auto che “affollavano” ogni spazio libero. Seduti tra la folla, gli amministratori comunali di Pietraperzia con il sindaco Antonio Bevilacqua tra le prime file. Molto divertenti le gag del duo “I Fusibili” che hanno intrattenuto e divertito il pubblico. A chiusura della serata, Sasà Salvaggio. Il comico palermitano, reduce da una lunga intervista, con le sue battute esilaranti, ha spaziato su numerosi temi tra cui i dialetti dei vari paesi della Sicilia messi a confronto con usi e costumi delle altre regioni italiane. Lui, maglietta e giacca nere e jeans, ha calcato il palco per oltre un’ora. A conclusione dello spettacolo, serpentoni di auto si sono snodate verso le strade in uscita dal paese. Encomiabile servizio d’ordine assicurato dai carabinieri, comandante Giuseppe Geraci, dalla Polizia Municipale di Pietraperzia e dal nucleo cittadino di Protezione Civile. GAETANO MILINO

 

 

Previous Barrafranca. Due Eccellenze barresi premiate dalla “Associazione Italiani in Patria e nel Mondo”
Next Pietraperzia. Il sindaco Antonio Bevilacqua: “Misure eccezionali per motivi di sicurezza”.