Tre pietrini indagati per lesioni personali e minacce. Il Gip dispone, nei loro confronti, l’archiviazione

Tre pietrini indagati per lesioni personali e minacce. Il Gip dispone, nei loro confronti, l’archiviazione

La vicenda era cominciata ad aprile 2016. I tre, R. R., V. R. e B. P. erano stati querelati da S. L. e B. F. Quindici mesi, fa protagonista involontario dell’episodio, era stato un cane di razza Pitbull. Il fatto ebbe origine dalla richiesta di V. R. ad S. L., proprietario del cane, di portare l’animale, regolarmente tenuto al guinzaglio, a fare i propri bisogni altrove e non nelle vicinanze della casa di R. R. e di V. R. Da tale richiesta scaturiva una colluttazione che vedeva protagonisti da un lato S. L. e, dall’altro lato, V. R. Dopo la colluttazione, partivano le querele da ambo i lati. A difendere i primi tre “contendenti” è stata l’’avvocatessa pietrina Maria Giovanna Di Gregorio. Nei loro confronti sono cadute tutte le accuse e il Gip, Vittorio La Placa, ha disposto l’archiviazione del procedimento. I tre indagati sono stati quindi definitivamente scagionati dallo stesso Gip. Da registrare che, a corollario della vicenda, durante la lite, il grosso cane aveva aggredito una terza persona arrivata sul posto per calmare gli animi. Il pitbull aveva azzannato al collo il “paciere” e gli aveva provocato una vasta e profonda ferita. Avverso l’archiviazione dell’accusa nei confronti dei tre pietrini si sono opposti S. L. e B. F. Nonostante l’opposizione di S. L. e B. F., il Gip, a seguito dell’intervento dell’avvocatessa Maria Giovanna Di Gregorio, ha disposto l’archiviazione nei confronti di R. R., R. V. e B. P. GAETANO MILINO

Previous Alla Kore la tesi più meritevole dell’anno
Next I bravissimi sono quattordici al Liceo "Falcone" di Barrafranca e c’è anche un 100 con la lode