Pietraperzia. Bottiglie di vetro nei cassonetti dell’immondizia

Una campana per il vetro è messa accanto ai cassonetti. Nonostante ciò, persone poco rispettose dell’Ambiente hanno buttato le bottiglie di vetro nei cassonetti per l’immondizia. La campana per il vetro e i cassonetti oggetto di attenzione sono quelli che si trovano all’inizio di via Roma, proprio in corrispondenza dell’uscita per piazza Vittorio Emanuele. Il malcostume, da parte di qualche cittadino, viene fatto notare dall’avvocato Salvatore Bevilacqua, padre del sindaco di Pietraperzia Antonio Bevilacqua. Il professionista pietrino, su facebook, scrive: “Pietraperzia cambierà quando tutti i cittadini cambieranno mentalità. Questo post e il relativo video ci fanno capire quanto certa gente sia irrispettosa delle più basilari regole di buona convivenza”. L’avvocato Salvatore Bevilacqua scrive ancora: “Per la cronaca: il vetro all’interno della campana rappresenta un incasso per il Comune (ultima fattura incassata € 1.000,00); il vetro nel cassonetto, invece, viene pagato dal Comune € 150 ogni tonnellata”. “Solo buona volontà e rispetto per tutti (e per le nostre tasche)”, conclude Salvatore Bevilacqua. “Il filmato e le foto rappresentano uno schiaffo per la stragrande maggioranza dei cittadini che collabora per una città migliore. Speriamo di non dovere più vedere questi cattivi esempi”. .A corredo del suo “pezzo”, Salvatore Bevilacqua posta, sempre su facebook, delle foto che ritraggono l’interno di un cassonetto con bottiglie di vetro dentro e la campana per il vetro posta accanto quasi vuota. A corredo delle sue osservazioni, Salvatore Bevilacqua pubblica un breve filmato che rafforza quanto mostrato nelle sue note e nelle fotografie. Alle osservazioni dell’avvocato Bevilacqua risponde Patrizia Giuliana che scrive: “Sindaco le campane non vanno bene, la spazzatura o qualsiasi altra cosa dicesi, anche per le bottiglie, non di possono prendere con le mani. Cambia i cassonetti, credo che sia abbastanza chiaro giacché in altro modo non è stato recepito il messaggio”. Ernesto e Alessandra Cunsolo, sempre sui facebook scrivono: “Basta utilizzare dei guanti, in questo caso, se non vuoi toccare le bottiglie. Comunque sta veramente alle persone metterci l’impegno nel voler cambiare. Siccome si deve sempre parlare parlare e poi fare le cose al contrario…. non può e non potrà mai funzionare. Non c’entra l’amministrazione ma il cittadino”. Molto sintetico il commento di Lillo Di Cataldo: “Dispetti stupidi”. A Pietraperzia la raccolta differenziata procede alla grande. Campane per carta, vetro, plastica, vetro, alluminio, cartone ed altro materiale da differenziare sono disseminate per il paese. Le campane vengono svuotare regolarmente. I cittadini hanno l’imbarazzo della scelta nell’individuare le campane per la differenziata in cui conferire il materiale che va differenziato. Il concetto del rispetto dell’Ambiente è stato recepito anche dagli alunni delle scolaresche cittadine che hanno seguito con molto interesse il problema del rispetto dell’Ambiente e della raccolta differenziata anche attraverso i progetti sviluppati durante l’anno scolastico. GAETANO MILINO

Previous Pietraperzia. “Partire dal Trasimeno” è il nuovo libro illustrato di Angelo Maddalena
Next Pietraperzia. Il presidente della Pro Loco, Alessia Falzone: " Grande il lavoro di ricerca dello studioso Liborio Centonze per la promozione del territorio di Pietraperzia"