Siciliani e Sicilianità- storia della pasta con le sarde

Siciliani e Sicilianità- storia della pasta con le sarde

La cucina siciliana: un tripudio di colori, di odori e di sapori. Tra i piatti più tipici della cucina isolana come non menzionare la pasta con le sarde. Si tratta di un primo piatto molto gustoso, dai sapori forti e contrastanti, che vede protagonisti prodotti semplici e poveri, facilmente reperibili in Sicilia, come il finocchietto selvatico che cresce spontaneamente dappertutto, e  le sarde, che abbondano nei nostri mari. L’aggiunta di spezie, come lo zafferano, ci fa intuire che questo piatto è nato dalla contaminazione della cucina siciliana con quella araba.

Mista di storia  e leggenda, la tradizione vuole che la pasta con le sarde affondi le sue origini proprio durante il periodo della dominazione araba. Ad inventarla fu un cuoco arabo al servizio di Eufemio da Messina.

Il periodo storico è quello del secolo d.C, a cavallo tra la dominazione bizantina e quella araba.Tutto ha inizio quando il turmarca della flotta siculo-bizantina Eufemio di Messina che s’era impadronito del potere in Sicilia a scapito dei vari regnanti locali con l’aiuto di vari nobili, fu messo in esilio dagli stessi siciliani che volevano rimanere liberi e senza guerriglie, egli chiese l’aiuto degli Arabi  per tutelare il suo dominio sull’isola. I Bizantini reagirono e Eufemio, battuto a Siracusa, scappò in Ifriqiya (l’attuale Tunisia), e mosso da spirito di vendetta, si alleò con i Saraceni, guidando le loro flotte alla conquista della Sicilia. Nell’ 827 la  flotta riuscì a sbarcare  a Mazzara del Vallo, in una zona oggi denominata “cala dei turchi”.

A questo punto inizia la leggenda. Arrivati a Mazzara del Vallo, i soldati stanchi e stremati, reclamavano cibo. Il povero cuoco fu costretto ad utilizzare gli ingredienti a disposizione: quelli forniti dalla Sicilia, come appunto la pasta, le sarde ed il finocchietto, e quelli forniti dagli stessi arabi, come lo zafferano. Quello che ne è venuto fuori è un primo piatto buonissimo, tra i più apprezzati della tradizione culinaria in Sicilia.

Nonostante le origini della pasta con le sarde siano arabe, comunque il piatto ha subito della variazioni col passare dei secoli. Oltre alle sarde, ai pinoli, al finocchietto e allo zafferano, molti aggiungono l’uva sultanina e il pangrattato.

Rita Bevilacqua

Previous Con “Il dolore pazzo dell’amore”, Pietrangelo Buttafuoco diventa cuntista al fianco di Mario Incudine
Next Si costituisce un comitato popolare contro l'intitolazione della passeggiata del Viale Signore Ritrovato