Il dirigente della Barrese, Milazzo: ” E’ un onore aver ospitato l’Enna al Comunale”

Barrafranca. Una intera comunità e la società di calcio della Barrese hanno dimostrato grande ospitalità alla formazione dell’ Enna. E questo non è passato inosservato nell’ultima gara di domenica scorsa dell’Enna, prima di tornare al Gaeta, contro la Catenanuovese. A Barrafranca l’incontro del derby si è concluso con la vittoria della formazione ennese ( 2-1 il risultato finale rete di Riccobene e Di Stefano per gli ennesi e di P. Picone su rigore per gli ospiti). Il comunale di Barrafranca è stato a disposizione della società di Enna sin dall’inizio del campionato di Prima Categoria del girone G, da fine settembre, dove figura anche la Barrese. Il campo del Gaeta da mesi è stato indisponibile ed è molto probabile che per il prossimo 12 marzo dopo la sosta di questo campionato la società dell’Enna ritornerà nel suo rettangolo di gioco. L’incontro dell’Enna con il derby contro la Catenanuovese da parte della dirigenza ennese è stato un buon motivo per consegnare prima dell’inizio della gara alcuni riconoscimenti all’ambiente calcistico e istituzionale per suggellare la meravigliosa ospitalità e un gemellaggio tra le due società che potrà durare per tanto tempo e che ha dato vita ai veri valori del calcio che vanno oltre il rettangolo di gioco. Destinatari del riconoscimento da parte della dirigenza dell’Enna sono stati
Carmelo Milazzo (dirigente della Barrese), Fabio Accardi (primo cittadino e rappresentante della comunità locale) e Peppuccio Ferrigno (custode della struttura comunale). “Abbiamo voluto consegnare un riconoscimento – afferma il presidente dell’Enna Calcio, Enzo Grippaudo – per la grande ospitalità riservataci in questi mesi questo a conferma che l’ambiente calcistico a Barrafranca è sano”. L’ amministratore delegato dell’Enna, Fabio Montesano ha consegnato il riconoscimento al sindaco barrese Accardi mentre il vicepresidente dell’Enna Luigi Stompo ha dato una targa al dirigente della Barrese, Carmelo Milazzo che rimarca: “ Per noi è stato un onore ospitare l’Enna anche perché la nostra società ha uno stile che è quello di accogliere le società che possono essere avversari sul campo ma poi grande rispetto per tutti”. Anche il presidente dell’Enna, Enzo Grippaudo ha consegnato uno dei tre riconoscimenti a Peppuccio Ferrigno, molto emozionato, il quale ogni domenica ha svolto tutti i lavori del pre-gara dell’Enna. Quindi l’Enna ringrazia anche la Barrese del presidente Roberto Costa. Niente male il percorso dell’Enna dove su 19 incontri 10 li ha disputati al comunale di Barrafranca: l’Enna adesso ha 35 punti e questo vuol dire quinto posto e zona play off, e ben 21 punti li ha conquistati al comunale di Barrafranca ( 6 vittorie con il Catenanuova, Branciforti, Randazzo, Leonfortese, Agira e Nicosia, 3 pareggi contro Bronte Adrano e Barrese e, infine, 1 sconfitta contro il Motta). E’ il caso di dirlo: Barrafranca, in questo caso, all’Enna ha portato bene.
RENATO PINNISI

Previous Siciliani e Sicilianità- la palazzina cinese voluta dal capriccio di un Re
Next Conclusione del Giubileo Domenicano in Seminario