Mons. Bongiovanni celebrerà Messa con Papa Francesco a chiusura del suo giubileo sacerdotale

PIETRAPERZIA. Mons. Bongiovanni celebrerà Santa Mesa con Papa Francesco nella cappella di Santa Marta in vaticano il prossimo 12 gennaio alle ore sette. Il singolare privilegio gli è stato accordato dalla segreteria di stato ad epilogo del giubileo sacerdotale dell’illustre prelato per i suoi 50 anni di sacerdozio: per questo avvenimento in paese sono state fatte molte iniziative tra cui una solenne concelebrazione in chiesa madre presieduta dal vescovo della diocesi piazzese Rosario Gisana, con migliaia di persone e cento preti. Don Giovanni ha 74 anni ed è stato nominato prelato di onore e monsignore da papa Benedetto XVI il 21 agosto del 2010.

Mons. Bongiovanni celebrerà Santa Mesa con Papa Francesco nella cappella di Santa Marta

La mattina del 29 giugno 1966, festa dei santi apostoli Pietro e Paolo, mons. Bongiovanni nella Chiesa Madre di Pietraperzia, veniva ordinato sacerdote dal vescovo mons. Antonino Catarella. Alla sera celebrò la prima messa solenne nella chiesa Santa Maria di Gesù assistito dal canonico Antonino Marotta.

A livello diocesano è stato incaricato diocesano del servizio per la promozione del sostegno economico alla chiesa cattolica, economo diocesano, vicario generale per 25 anni, moderatore della curia e coordinatore della pastorale diocesana, canonico della cattedrale.

Da Prete si è dedicato all’attività pastorale nella parrocchia S. Maria di Gesù in Pietraperzia, agli studi teologici e giuridici conseguendo la laurea in utroque iure con il massimo dei voti e la lode, all’insegnamento del francese in Seminario e della Religione nelle scuole statali.

Fin da giovane sacerdote ha coltivato la devozione mariana e si è occupato del santuario della Madonna della Cava promuovendo la pietà popolare. Ha valorizzato i cristiani laici, le varie aggregazioni ecclesiali a partire dall’Azione Cattolica e gli organismi di partecipazione.

Monsignor Bongiovanni si è distinto per lo zelo apostolico, fedeltà agli impegni sacerdotali: spirito di servizio, rettitudine, saggezza ed esperienza nel trattare le varie questioni di carattere pastorale e amministrativo. Il 29 aprile 2013 il Collegio dei Consultori, durante la sede vacante, come segno di apprezzamento e di stima, lo ha eletto Amministratore Diocesano.
GIUSEPPE CARA’

Previous Paolo Belli a Enna con "Pur di fare musica"
Next Il sindaco Antonio Bevilacqua controlla personalmente gli impianti di riscaldamento di tutti gli edifici scolastici