Evento teatrale al Museo Archeologico Regionale di Caltanissetta

Evento teatrale al Museo Archeologico Regionale di Caltanissetta

Domenica 5 giugno 2016, alle ore 17,30, al Museo Archeologico Regionale, via di S.to Spirito, di Caltanissetta, sarà presentato dalla Compagnia Officina Teatro di San Cataldo, diretta da Michele Celeste, uno spettacolo corto teatrale dal titolo “Metempsychosis nunc et now”. L’evento chiude la mostra di  pittura e performance dell’artista Gianni Santagati dal titolo “Sulle sponde dell’Himeras”, tenutasi dal 22 maggio 2016 al Museo archeologico regionale, diretto dall’arch. Giovanni Crisostomo Nucera.  L’evento culturale è destinato a promuovere l’educazione al patrimonio artistico-culturale, riconoscendone le funzioni primarie nella formazione socio-culturale, storica, estetica della cittadinanza e nella valorizzazione del territorio siciliano. Lo spettacolo è offerto dalla Compagnia Officina Teatro, di San Cataldo, diretta da Michele Celeste, che si è classificata prima al concorso nazionale Grand Prix del Teatro, sezione video teatro, ottenendo il Premio Maschera d’argento da una commissione di cui facevano parte Tullio Solengo e Mariano Regillo.

Autore: Michele Celeste Regia: Michele Celeste Allestimento e produzione: Compagnia OfficinaTeatro diretta da Michele Celeste Anno: 2016 Genere: Corto Teatrale. Attori: Anita Donisi, Daniela Garofalo, Michele Celeste, Lino Pantano, Bandjogou Sakone. Allestimento scenografico e costumi: Marco Tullio Mangione Audio editing: Aldo Giordano Il dipinto Mattanza Ellenica è di Michele Ruvolo, collezione privata di Michele Celeste Le voci registrate sono di Eduardo De Filippo (discorso registrato a Taormina) e Ignazio Buttitta (discorso registrato a Palma di Montechiaro). Il canto “A la matri di li carusi” è di Giancarlo Curto La sedia su cui sedette, per la stipula dell’Armistizio di Cassibile, Eisenhower appartiene alla collezione privata di Michele Celeste

Rita Bevilacqua

You may also like

Siciliani e Sicilianità- l’antico detto “Dopu cà a Sant’Aita a rubbaru, ci ficiru i potti di ferru”

Ancora adesso, soprattutto tra le persone più anziane,