Al chiostro comunale testimonianza di Chiara Frazzetto, parente di una vittima di mafia

Al chiostro comunale testimonianza di Chiara Frazzetto, parente di una vittima di mafia

L'iniziativa “Giustizia e Misericordia” è organizzato da “Libera Sicilia”, la “Cittadella d’Assisi” e Caritas diocesana

Stasera alle ore 20 nel chiostro comunale del palazzo di città incontro rivolto alla comunità con Chiara Frazzetto, parente di una vittima di mafia che racconterà la sua testimonianza. Il tema formativo, il terzo su quattro incontri, aperto a giovani ed adulti sui temi della “Giustizia e Misericordia” è stato avviato dall’associazione “Libera Sicilia” in collaborazione con la “Cittadella d’Assisi” e la Caritas della diocesi di Piazza Armerina. Nell’arco di poche settimane di sono già svolti due incontri, uno lo scorso 15 aprile con Gregorio Porcaro, referente regionale su Libera Sicilia e svoltosi nel salone delle suore apostoliche (chiesa Maria SS della Stella) sul tema inerente a cosa fosse e di cosa si occupa l’associazione Libera e il movimento antimafia; lo scorso 22 aprile nei locali dell’associazione ”Arcobaleno” diversi giovani e cittadini hanno partecipato all’incontro sul tema la “Confisca dei beni: restituzione del maltolto” con Francesco Citarda socio della cooperativa “Placido Rizzotto”. Gli ultimi due incontri, di cui uno stasera, è previsto nel chiostro comunale del palazzo di Città e ad essere presente sarà Chiara Frazzetto, la quale porterà la sua testimonianza di parente di vittima di mafia. Il padre e fratello vennero uccisi a colpi di arma da fuoco il 16 ottobre del 1996, a Niscemi, durante un tentativo di rapina. L’ultimo incontro sarà il prossimo 13 maggio (ore 20) in chiesa Madre sul tema “La chiesa e il fenomeno mafioso” con la presenza di Rosario Giuè autore di volumi di “Peccati di mafia”, e Tonio Dell’Olio referente di “Libera” e della “Pro Civitate Christiana”.

Previous Video / Il commissario incontra i 42 precari dell'Ente per i problemi inerenti al trasferimento dei fondi regionali
Next Festeggiamenti in onore di Sant’Alessandro, patrono di Barrafranca