Enna unica sede dell’isola scelta per lo svolgimento delle prove del concorso pubblico per la recluta di agenti della Polizia di Stato

Enna unica sede dell’isola scelta per lo svolgimento delle prove del concorso pubblico per la recluta di agenti della Polizia di Stato

Il concorso pubblico prevede lo svolgimento delle prove per tutti i candidati residenti in Sicilia

Dal 4 al 6 maggio 2016, ad Enna, presso il Palazzetto dello Sport, si svolgerà il concorso pubblico, per titoli ed esami, per il reclutamento di n. 559 allievi agenti della Polizia di Stato. Nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana – 4^ Serie speciale – “Concorsi ed esami” del 29 gennaio 2016 è stato pubblicato il bando del concorso pubblico, per titoli ed esami, per il reclutamento di n. 559 allievi agenti della Polizia di Stato, riservato ai sensi dell’articolo 2199, comma 4, lettera a), del D.Lgs. 15 marzo 2010, n. 66, ai volontari in ferma prefissata di un anno o quadriennale ovvero in rafferma annuale i quali, se in servizio, abbiano svolto alla data di scadenza del termine di presentazione della domanda almeno sei mesi in tale stato o, se collocati in congedo, abbiano concluso tale ferma di un anno.
Per Enna è la prima volta che viene scelta dal Dipartimento della Polizia di Stato come sede per lo svolgimento delle prove per tutti i candidati residenti in Sicilia. Le altre sedi del territorio nazionale sono Alessandria, Spoleto, Roma, Nettuno ed Abbasanta. Ogni giorno si svolgeranno una sessione antimeridiana ed una postmeridiana per un totale di circa 1.100 candidati per ciascuna delle sedute giornaliere. Sono attesi complessivamente circa 3.400 candidati provenienti da tutta la Sicilia. I candidati dovranno presentarsi presso la Palestra Polisportiva Enna Bassa, di Piazza De Coubertin, con date e orari indicati sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana – 4^ Serie speciale – “Concorsi ed esami”.

Previous Occorrono le firme per la presentazione delle liste: termine ultimo il 3 maggio
Next Video/Intervista al candidato a sindaco di Barrafranca, Giovanni Di Dio