Barrafranca: Festa della lettura e del libro – “Uniti nella parola in nome della libertà”

Festa del libro e della lettura Barrafranca 20 aprile 2016Mercoledì 20 aprile 2016 dalle ore 10.00 nel Parco Comunale FRANCESCO FERRERI di Barrafranca (EN) si è svolta l’iniziativa, promossa dal Club Unesco di Enna, la “Festa della lettura e del libro”. L’evento s’inserisce nel calendario di manifestazioni organizzate in occasione della Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore, che ha lo scopo di promuovere la lettura e la pubblicazione di libri. All’evento, organizzato dai professori barresi Gianni Ruggeri e Fabio Accardi, ha partecipato una rappresentanza delle classi quinte della primaria, terze della secondaria di primo grado e quinte delle secondarie di secondo grado delle scuole di Barrafranca. Festa del libro e della lettura Barrafranca 20 aprile 2016Gli alunni che sono rimasti a scuola hanno potuto seguire, ognuno nelle proprie classi, l’evento in DIRETTA STREAMING, collegandosi alla pagina facebook FALCONET dell’ I.S.I.S.S. FALCONE, a partire dalle ore 10.00. Tutti gli alunni partecipanti, riunitisi in viale G. Cannada, angolo via Pio la Torre, hanno formato un corteo che è sceso al Parco Comunale FRANCESCO FERRERI. “Uniti dalla parola in nome della Libertà”. Con questo slogan da lui ideato, il prof. Gianni Ruggeri ha presentato l’evento, spiegandone i motivi. “Leggere i libri – spiega entusiasta il prof. Ruggeri-ci rende liberi di pensare, liberi di conoscere. Inoltre abbiamo voluto fare in modo che tutte le scuole barresi si unissero in nome della lettura e dell’amore per la cultura”. Festa del libro e della lettura e festa degli studenti barresi. Alla presenza dei dirigenti scolastici Luigia Perricone, Filippo Aleo e Maria Stella Gueli, degli insegnanti e di alcuni genitori, ogni plesso si è esibito leggendo poesie e prose scelte dagli stessi alunni, coadiuvati dagli insegnanti. Dell’I.C. EUROPA: la quinta del plesso Sciascia ha letto alcuni brani tratti dal diario di Anna Frank, mentre quelli del plesso Europa vita e poesia di Mahatma Gandhi, parti tratte dal libro “Il Piccolo Principe” e la vita di Giovanni Falcone; Festa del libro e della lettura Barrafranca 20 aprile 2016le terze del plesso G. Verga una favola scritta da “Maria Lai” (illustrata anche attraverso alcuni pannelli figurativi); dell’I.C. DON BOSCO: le terze del plesso Don Milani hanno letto alcuni brani che trattavano il tema dell’accoglienza (spiegati con un pannello espositivo); le quinte del plesso G. Novelli letture e poesie sui “clandestini”, mentre quelli del plesso S. G. Bosco il tema dell’amicizia difficile tra ragazzi di cultura diversa. Dell’ I.S.I.S.S. G.FALCONE: le quinte del Liceo Scientifico, Classico e Psicopedagogico hanno affrontato come tema “il viaggio” (intercalato da un contributo audio del 1969 sullo sbarco dell’uomo sulla luna), mentre quelli dell’Istituto Agrario hanno letto alcuni passi tratti dai libri di “Tiziano Terzani”. Tulle le letture sono state accompagnate da un sottofondo musicale di brani famosi, eseguiti alcuni dagli alunni del gruppo musicale “chitarra” dell’I.C. EUROPA, altri dal gruppo musicale “chitarra” dall’I.C. DON DOSCO, accompagnati al violino da Giuseppe Salamone e alla chitarra da Yuri Amorelli, entrambi dell’I.S.I.S.S. FALCONE. Il prof. Francesco Pantusa si è occupato degli strumenti e del’amplificazione. Festa del libro e della lettura Barrafranca 20 aprile 2016Il tutto si è concluso con l’intervento del prof. Fabio Accardi che ha ribadito il senso di festa della giornata, ricordando come il tutto si sia svolto nel piacere della “condivisione”, cioè il condividere con gli altri qualcosa che si è preparati prima, nel proprio piccolo, facendone poi partecipe la collettività. Si è partiti dagli alunni più piccoli che hanno condiviso, con gli alunni più grandi, le loro letture. Bisogna stimolare nelle nuove generazioni la voglia, il piacere e la curiosità di leggere. Infine i dovuti ringraziamenti a tutti i presenti, ai tre dirigenti scolasti, agli insegnanti e gli alunni che, con la loro semplicità e spontaneità, sono stati i veri protagonisti dell’evento. Un grazie particolare è andato al prof. Gianni Ruggeri che è stato sia l’ideatore, sotto la spinta del Club UNESCO di Enna, sia le braccia materiali che hanno organizzato tutto. Al termine tutti gli alunni hanno formato, con nastri di tanti colori, un lungo cordone che li univa tra loro. La parte finale era legata a un enorme pallone su cui c’era scritto LIBERTA’ che al termine della manifestazione è stato lanciato in cielo, strascinando nel suo tragitto la lunga coda di nastri colorati.

Rita Bevilacqua

Previous Al comune vengono raccolte le firme per tutelare chi subisce furti o aggressioni nella propria casa
Next La Barrese deve vincere domenica contro il Real Suttano per passare il turno dei play off