Programma dei festeggiamenti in onore di san Giuseppe

12828471_1159978017359684_4483644217584673743_oIl 19 marzo la Chiesa festeggia il patriarca san Giuseppe, celeste Patrono della Chiesa universale e provvido custode della Santa Famiglia.  Tra tutti i Santi quello che occupa un posto speciale nel cuore della gente è proprio san Giuseppe, non solo perché è lo sposo di Maria, ma soprattutto perché è il padre putativo di Gesù, chi accettò, con obbedienza, i piani di Dio. Liturgicamente il Santo è festeggiato Il 19 marzo. Pio IX l’ha dichiarato patrono della Chiesa universale e Giovanni XXIII ha inserito il suo nome nel Canone romano(Mess. Rom.).

Anche Barrafranca (EN) festeggia il patriarca san Giuseppe, con tutti una serie di eventi, organizzati dalla parrocchia Maria SS. della Purificazione- Chiesa Madre, che culmineranno sabato 19 marzo 2016.

Il programma 2016 prevede:

dal 16 al 19 marzo ore 09.30-12.00, 16.30-20.00 tavolata di san Giuseppe presso i locali parrocchiali

dal 16 al 18 marzo TRIDUO IN PREPARAZIONE ALLA FESTA ore 17.30 Santo Rosario; ore 18.00 Santa Messa con omelia

venerdì 18 marzo VIGILIA DELLA FESTA ore 17.30 Santo Rosario; ore 18.00 Santa Messa, ore 19.00 Vespro Solenne; ore 20.00 Via Crucis

sabato 19 marzo SOLENNITA’ DELLA FESTA ore 08.00 Suono festoso delle campane e sparo di bombe; ore 08.30 Santa Messa; ore 09.30 giro per le vie cittadine del Corpo Bandistico e raduno dei “Santi”; ore 11.00 Santa Messa animata dal coro parrocchiale; ore 12.00 Sacra rappresentazione “La fuga in Egitto” in Piazza Regina Margherita”; ore 18.30 Santo Rosario; ore 19.00 Solenne Celebrazione Eucaristica animata dalla Corale Polifonica “Maria SS. della Stella”;  ore 20.00 Processione del venerabile simulacro di San Giuseppe per la consueta “Via dei Santi”. Fuochi pirotecnici.

 

 

Previous Associazione Donne "Maria Santissima della Stella" organizza tavolata di San Giuseppe per donare alimenti al banco alimentare
Next Il comitato degli agricoltori: " Vogliamo pagare l'acqua ma non con cifre esagerate. C'è il rischio che molti abbandonino la campagna"