Nuovo incontro tra Salotto Artistico-Letterario “CIVICO 49” e Gruppo Spettacolo “ARCOBALENO”.

Nell'incontro si è concretizzata la collaborazione tra i due gruppi

Logo del Salotto artistico-letterario "Civico 49"

Alla riunione di giovedì 11 febbraio 2016, il Salotto artistico-letteraio “Civico 49” ha di nuovo accolto i rappresentanti del Gruppo Spettacolo “Arcobaleno”, per definire la discussione sulla valorizzazione del testo della “Vasacra” e per verificare se le varie proposte, scaturite nel precedente incontro, fossero state accolte dallo stesso gruppo. Il presidente del Gruppo “Arcobaleno”, Josè Bellanti, ha comunicato agli amici del salotto che l’idea della lettura in chiesa del testo originale della Vasacra è stata accolta con entusiasmo dai soci del Gruppo, che si sono proposti di realizzarla in questo periodo pasquale. A tal fine, il presidente ha chiesto la collaborazione dei membri del Salotto, che si sono dichiarati disponibili in qualsiasi  momento.

La recita nell’atmosfera raccolta della chiesa del testo originale della Vasacra, permetterà al pubblico di gustare l’alto valore poetico del testo nella sua unità e completezza, cosa che durante la realizzazione esterna della Vasacra del Mercoledì Santo non può fare, distratto dalla dispersione delle varie scene e dalla lunga durata della stessa rappresentazione. In questo modo si potrà rendere giustizia all’impegno dei due autori, il compianto don Sandro Bernunzo e Carmelo Orofino, i quali nel corso degli anni hanno visto, molte volte a loro insaputa, rimaneggiato e manipolato il testo. Dopo la revisione definitiva del testo, gli autori sono stati rassicurati da una delibera del Gruppo Arcobaleno, in cui è specificato che il testo della Vasacra, così com’è stato consegnato e affidato dagli autori al Gruppo, non potrà più essere cambiato.

Attraverso la collaborazione con il gruppo Arcobaleno, il Salotto artistico-letterario “Civico 49” sta cominciando a incidere sulla vita sociale della nostra cittadina, con uno scambio di proposte collaborativo e fattivo. Nonostante i pochi mesi di vita, sta diventando un punto di riferimento per lo sviluppo culturale barrese. Il Salotto vuole essere soprattutto una fucina d’idee, messe modestamente a servizio di quei gruppi o persone del mondo barrese, pronti a collaborare e a mettersi in gioco. Inoltre non è e non vuole essere il solo depositario e dispensatore della cultura barrese, ma vuole contribuire, insieme alle altre forze sane del nostro paese, allo sviluppo della nostra comunità, tramite una “rivoluzione culturale” autentica, efficace e proficua.

Vogliamo ricordare che il Salotto artistico-letterario “Civico 49” è nato da un’idea di Gaetano Vicari, che ha invitato nella sua casa paterna alcuni suoi amici, in particolare scrittori, poeti e artisti con all’attivo alcune pubblicazioni e varie mostre. Alla sede del Salotto, sita in uno dei cortili di via Paternò Rossi, si accede per chiamata del padrone di casa, che seleziona le persone da invitare d’accordo con gli altri partecipanti. A un primo nucleo formato da Diego Aleo, Rita Bevilacqua, Bobò Centonze, Maria Costa, Rosetta Faraci, Pino Giunta, Carmelo Orofino, Francesco Paternò, Giuseppe Pilumeli e Jole Virone, si sono aggiunti Salvatore Licata, Giovanni Ruggeri, Filippo Salvaggio e Gino Strazzanti, i quali frequentano le piacevoli riunioni del giovedì, accolti e messi a loro agio dall’ospitalità del padrone di casa. (Fonte: Gaetano Vicari)

Rita Bevilacqua

Previous SAN VALENTINO, patrono degli innamorati
Next La Barrese in cerca di punti a Serradifalco. Inizio dell'incontro alle ore 15