Assolto l’ex sindaco Angelo Ferrigno per aver permesso di far sparare i fuochi di artificio durante una processione religiosa

Assolto l’ex sindaco Angelo Ferrigno per aver permesso di far sparare i fuochi di artificio durante una processione religiosa

La Prefettura aveva vietato i botti ma l'ex sindaco fece di testa sua


Il Giudice ha accolto il ricorso contro la condanna ed è stato assolto per la “particolare tenuità dei fatti”. L’ex sindaco di Barrafranca, Angelo Ferrigno, è stato assolto con la sentenza del giudice monocratico di Enna, Elisabetta Mazza, che ha accolto la tesi difensiva dell’avvocato dell’ex primo cittadino. I fatti risalgono al 2o10 quando il sindaco di allora Angelo Ferrigno permise lo “sparo” di fuochi di artificio nonostante vi fosse un divieto da parte della Prefettura. Era l’ultima domenica di agosto e si festeggiava la Madonna delle Grazia, dove il simulacro, come ogni anno, viene portato in processione. Per non aver osservato un’ordinanza prefettizia l’ex sindaco era finito sotto processo. La decisione dell’assoluzione è stata presa anche in base alla deposizione dell’ex comandante dei carabinieri di Barrafranca, Epifanio Giordano. La decisione dell’ex sindaco fu presa “nell’interesse della comunità” in quanto le persone che partecipavano alla processione aspettavano l’accensione dei fuochi pirotecnici, senza i quali si sarebbe potuto innescare un altro elemento, ovvero il rischio di ordine pubblico.

Previous Tanti giovani e attività ad Enna per il "Progetto 360" nel giorno della ricorrenza del santo protettore dei giovani
Next La festa del Patrono dei giornalisti, San Francesco di Sales. Il vescovo Gisana: " Chi informa deve porre l'accento sul rispetto dell'altro".