Raccolti 13 mila chili di rifiuti da parte degli operatori ecologici

Raccolti 13 mila chili di rifiuti da parte degli operatori ecologici

Impiegati diversi mezzi ma i lavoratori potrebbero protestare per le mancate mensilità non corrisposte


Raccolte 13 tonnellate di rifiuti in una settimana da parte dei diciotto operatori ecologici che si trovano da molto tempo sotto organico. Con una media di due tonnellate al giorno e l’ausilio di diversi mezzi inviati dall’ Ato si è risolta l’emergenza rifiuti nella cittadina che potrebbe di nuovo arrivare dato che i lavoratori ecologici non ricevono lo stipendio da due mesi mentre quello di questo mese sta maturando. Si potrebbe assistere, quindi ad uno scenario, più volte visto, di cumuli di rifiuti in diversi punti dato che si paventa lo sciopero degli operatori ecologici per il mancato pagamento. Lo scenario che si è registrato dopo le festività natalizie di cumuli di immondizia disseminati in luoghi sensibili della cittadina aveva suscitato in tutta la comunità un certo clamore e diffidenza verso la società che gestisce i rifiuti. Oltre ad una situazione deficitaria per il mancato pagamento dei netturbini ( a differenza degli altri comuni, i quali verrebbero pagati regolarmente) che puntualmente si verifica si riscontra la presenza di pochi mezzi utili per affrontare le emergenze. In una settimana oltre al grande lavoro degli operatori ecologici i quali nei diversi punti (sottoserra, i due siti del cimitero dove uno di questi è presente l’elisuperficie in caso di necessità; Portella d’argento e contrada Rampante) sono stati utilizzati diversi mezzi messi a disposizione dall’Ato come mezzi scarrabili, auto compattatori e bob kart. “ In una settimana – affermano alcuni operatori ecologici – sia di mattina che pomeriggio abbiamo tolto i rifiuti in diversi luoghi della cittadini. Il numero è di 130 mila chili di spazzatura”. Un altro luogo in cui molti cittadini si recano per buttare l’immondizia è quello vicino al quartiere “Madonna – Canale” in contrada San Salvatore dove è presente una discarica abusiva. E’ un vero peccato che la differenziata, iniziata e poi interrotta, non abbia raggiunto gli obbiettivi prefissati anche se molti cittadini si erano abituati all’idea e al modo di operare.

Previous Tribunale di Enna dichiara illegittima la determinazione adottata nel giugno 2015 dal sindaco Lupo sulla scelta del caposettore
Next DOMANI 23 NIENTE ACQUA