Imprese giovanili e femminili. Nuovi finanziamenti a tasso zero.

Il Ministero dello Sviluppo Economico (MISE) ha riavviato il programma di «autoimprenditorialità» che a partire dalle ore 12.00 del 13 gennaio 2016 prevede la possibilità di presentare le domande di finanziamento a tasso zero per le imprese costituite da giovani dai 18 ai 35 anni e/o da donne.

La piattaforma web di Invitalia, agenzia specializzata del MISE, sarà utilizzata per la presentazione delle domande.

Le agevolazioni finanziarie consistono in finanziamenti a tasso zero per la realizzazione di investimenti produttivi e vengono concessi:
• a tasso zero;
• con una durata massima di 8 anni;
• con un importo non superiore al 75% della spesa ammissibile;
• attraverso un piano di ammortamento con rate semestrali costanti posticipate scadenti il 31 maggio ed il 30 novembre di ogni anno.

Possono beneficiare dei finanziamenti a tasso zero le imprese femminili e giovanili:
• costituite in forma societaria, ivi incluse le società cooperative;
• la cui compagine societaria è composta, per oltre la metà numerica dei soci e di quote di partecipazione, da soggetti di età compresa tra i diciotto e i trentacinque anni ovvero da donne;
• costituite da non più di dodici mesi alla data di presentazione della domanda di agevolazione;
• di micro e piccola dimensione, secondo la classificazione contenuta nel decreto del Ministro delle attività produttive 18 aprile 2005.

Le imprese giovanili e femminili per poter ottenere i finanziamenti devono possedere i seguenti requisiti:
• essere regolarmente costituite ed essere iscritte nel Registro delle imprese;
• essere nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non essere in liquidazione volontaria e non essere sottoposte a procedure concorsuali;
• non rientrare tra le imprese che hanno ricevuto e, successivamente, non rimborsato o depositato in un conto bloccato, gli aiuti individuati quali illegali o incompatibili dalla Commissione europea.

Le imprese femminili e giovanili possono accedere a finanziamenti a tasso zero finalizzati ad investimenti produttivi per importi non superiori a 1.500.000,00 euro relativi:
• alla produzione di beni nei settori dell’industria, dell’artigianato, della trasformazione dei prodotti agricoli;
• alla fornitura di servizi, in qualsiasi settore;
• al commercio e al turismo;
• alle attività riconducibili anche a più settori di particolare rilevanza per lo sviluppo dell’imprenditorialità giovanile, riguardanti la filiera turistico-culturale (intesa come attività finalizzate alla valorizzazione e alla fruizione del patrimonio culturale, ambientale e paesaggistico, nonché al miglioramento dei servizi per la ricettività e l’accoglienza) oppure l’innovazione sociale (intesa come produzione di beni e fornitura di servizi che creano nuove relazioni sociali ovvero soddisfano nuovi bisogni sociali, anche attraverso soluzioni innovative).

Il Ministero dello Sviluppo Economico, attraverso un comunicato ufficiale pubblicato sul proprio sito ha reso note le modalità di presentazione delle domande di ammissione:
• le domande dovranno essere presentate a partire dalle ore 12.00 prossimo 13 gennaio 2016;
• le domande dovranno essere presentate online tramite il sito www.invitalia.it.

Per ulteriori informazioni sui finanziamenti e sulla presentazione delle domande è possibile collegarsi da qui al focus di Invitalia. http://www.invitalia.it/site/new/home/chi-siamo/area-media/focus/articolo19012109.html

Calogero Aquila

Previous STAMPA CATTOLICA Giornalismo: Ucsi Sicilia, il 30 gennaio assemblea elettiva per il rinnovo delle cariche
Next Tra le tante novità in campo finanziario, il 2015 appena trascorso ha portato anche un leggero aumento della possibilità di spesa degli italiani, a cui è seguita una vera e propria impennata della richiesta dei mutui, come non accadeva da tempo

Editor review

Summary

Nuovi finanziamenti Invitalia per imprese giovanili e femminili. La nuova operazione di autoimprenditorialità del Ministero dello Sviluppo economico in Italia.