Coordinamento Abilnet: ” Tutelare i disabili presenti nel territorio”

Coordinamento Abilnet: ” Tutelare i disabili presenti nel territorio”

Mettere in atto tutti gli strumenti necessari affinchè le persone con disabilità possano beneficiare dei reali bisogni. Questo si propone il coordinamento delle associazioni di volontariato “Abilnet” che comprende diverse associazioni dei comuni dell’ennese proprio in occasione della “Giornata internazionale dei diritti delle persone con disabilità”. Questa giornata ricorre ogni anno il 3 dicembre ed è stata istituita nel 1981, Anno internazionale delle persone disabili, al fine di promuovere una più diffusa e approfondita conoscenza sui temi della disabilità e per sostenere la loro piena inclusione in ogni ambito della vita ed allontanare ogni forma di discriminazione e violenza. “ Il coordinamento Abilnet – afferma la presidente, Filippa Barbagallo – raccoglie le sfide di dieci associazioni di volontariato che si occupano di disabilità presenti in provincia di Enna per soddisfare le esigenze delle persone più deboli è necessario organizzare in modo impeccabile i servizi socio-sanitari e socio assistenziali”. Le associazioni di volontariato del coordinamento sono l’associazione Insieme di Centuripe, la Misericordia “Maria Immacolata” di Catanuanuova, l’ Avo di Enna, l’Aisa di Barrafranca, le Aquile degli Erei di Regalbuto, Assvo Luna di Valguarnera, l’Apcata di Assoro, Solidarietà e Futuro di Reglabuto e le “Pantere Verdi “F. Cozzo” di Valguarnera. Altri enti che fanno parte sono l’Acsi di Enna, la cooperativa sociale Insieme di Enna, il Comitato paraolimpico di Enna, il comitato provinciale Uisp, il comitato provinciale Aics, il Treno dell’Arcobaleno di Catenanuova e il comitato provinciale Croce Rossa Italiana. Alle dieci associazioni di volontariato da poco si sono aggiunte anche tre associazioni di Ragusa e Siracusa. Le associazioni che fanno parte del coordinamento Abilnet hanno il sostegno del Centro servizi di volontariato Etneo (CsvE). La necessità di queste associazione di mettersi insieme e di parlare <<con una sola voce>> è stato un input importante. Abilnet è presente nel territorio solo dal 2013 ma mette in risalto i diritti dei disabili che a volte vengono calpestati. Tra gli obiettivi anche alcune sfide come la speranza della piena attuazione dell’articolo 14 della legge 328 del 2000 secondo cui la piena integrazione delle persone disabili passa dai comuni che d’intesa con le Asp devono individuare il progetto di ogni disabile in cui oltre alla valutazione diagnostico-funzionale, sono da programmare le prestazioni di cura e di riabilitazione a carico del servizio sanitario nazionale.

Previous Mercato settimanale, tutto secondo previsione
Next TRIDUO in onore di SANTA LUCIA Vergine e Martire