Il “Falcone” con la sede coordinata dell’Agrario partecipa alla Festa dell’albero promosso da Legambiente

Il “Falcone” con la sede coordinata dell’Agrario partecipa alla Festa dell’albero promosso da Legambiente

Anche quest’anno, in occasione della Festa dell’albero promossa da Legambiente per il 20, 21 e 22 novembre si è svolta a Barrafranca la tradizionale celebrazione della piantumazione di alberi. Ad organizzare la manifestazione il “Falcone” di Barrafranca con la sede coordinata dell’Agrario, in prima linea,  che ha curato la predisposizione dell’area verde e delle piante da mettere a dimora. Hanno partecipato all’iniziativa gli studenti delle terze medie dei plessi “Verga” e “Don Milani” accompagnati dai docenti Maria Avola, Imara Anzalone, Roberta La Martina, Luigi Messina e Gaetano Strazzanti. Quest’anno la Festa dell’albero è dedicata alla lotta ai mutamenti climatici, il 2015 è infatti un anno decisivo: a dicembre nel vertice delle Nazioni Unite (Cop 21) si dovrà definire il nuovo accordo internazionale sul clima. Gli alberi costituiscono una risorsa naturale contro il riscaldamento globale, la loro presenza garantisce una risposta sicura ed efficace ai danni causati dalle attività umane. Come asseriscono i sostenitori di Lega ambiente “Proteggere gli alberi vuol dire proteggere il futuro!”. Ad aprire la manifestazione il Dirigente Scolastico del Falcone Maria Stella Gueli che ha sottolineato come sia importante diffondere la cultura del rispetto dell’ambiente e degli alberi quali insostituibili polmoni del nostro pianeta ed alleati nel combattere i cambiamenti climatici in atto. Gli alberi oltre a combattere il surriscaldamento del Pianeta ci aiutano a ridurre il rischio idrogeologico responsabile dei danni provocati dalle alluvioni che sempre più frequenti si abbattono sulle nostre città, questo il messaggio del prof. Sorce docente dell’Agrario di Barrafranca che è intervenuto alla manifestazione. Dopo la visione del cortometraggio ed alcune riflessioni del Prof. Accardi che ha evidenziato come la tutela dell’ambiente e il rispetto per questo essere vivente chiamato “albero” passa non solo dalle scelte politiche internazionali o dai protocolli che siglano le superpotenze mondiali ma principalmente dai piccoli gesti quotidiani di ciascuno di noi, quali: uno stile di vita ecosostenibile ed azioni a favore dell’ambiente, si è conclusa la manifestazione con la piantumazione di alcuni alberi di ulivo. La scelta dell’ulivo ha voluto rappresentare soprattutto un simbolo di pace visti i recenti atti di terrorismo con i pesanti bilanci di vittime che hanno scosso profondamente l’opinione pubblica mondiale.                                                         FABIO ACCARDI

 

Previous Caos sulla viabilità in viale Generale Cannada dopo una recente ordinanza
Next Giuramento di fedeltà alla Repubblica Italiana da parte del sedicenne Marco La Pusata nella rinomata scuola militare “Nunziatella” di Napoli