Festeggiamenti in onore della Madonna delle Grazie- “Coroncina alla Madonna delle Grazie”

11846186_528575673957580_1198335969_nLa grande devozione dei barresi per la Madonna delle Grazie è dimostrata dalle preghiere a Lei rivolte. La più conosciuta è la “Coroncina alla Madonna delle Grazie” che si recita durante la “novena” celebrata in chiesa. Ne riportiamo il testo:

 Coroncina alla Madonna delle Grazie

-O Dio vieni a salvarmi

-Signore vieni presto in mio aiuto

-Gloria al Padre e al Figlio e …

Maria Madre di Grazia

Madre di Misericordia

dal nemico proteggici

e nell’ora della morte accoglici.

  1. In questo mar di pianto

in sì penoso esilio,

Maria, deh volgi il ciglio

verso del peccator.

E a lui, che reo tu vedi,

sciogli quel laccio rio,

che lungi dal suo Dio

incatenagli il cor.

        Ave Maria e Gloria

2. Figli di quella donna,

che noi rese infelice,

soffriam de’ tre nemici

la dura schiavitù.

Tu che potente sei,

toglici dal lor furore,

ispira al nostro cuore

l’amore del tuo Gesù

          Ave Maria e Gloria

3. Tu, nel casto seno

portasti il Redentore,

conserva a noi il candore

di santa purità.

Che se l’astuto serpe

ci turberà la mente;

del braccio tuo possente

vittima alfin cadrà. 

          Ave Maria e Gloria

4. Unica e dolce speme,

corredentrice invitta,

l’anima nostra afflitta

spera e confida in Te.

Tu, d’ogni Grazia colma,

impetra, o Madre, a noi,

indegni figli tuoi,

amor, speranza e fè.

          Ave Maria e Gloria

5. So che ai superbi il Cielo

resiste, e ognor li opprime,

e rende poi sublime

chi stima ha il vil di sé.

Nella grandezza, umile

Tu fosti, alma Maria;

Deh! Fa che l’alma mia

sia umile a par di te.

          Ave Maria e Gloria

6. Chi provvido ricopre

di augel di varie piume,

chi dona agli astri il lume,

tutto concede a Te.

Egli le grazie al mondo

ognor per te dispensa;

deh! A noi la provvidenza

venga per tua mercè.

          Ave Maria e Gloria

7. Dell’infernal nemico

ah! Si, nell’ultim’ora

salvaci, gran Signora.

Salvaci per pietà.

Così dai lacci sciolta

di questa fragil vita,

di grazie tua fornita,

l’alma con Te verrà.

          Ave Maria e Gloria

OFFERTA

Benedetta fra le donne, della grazia ricolma divina, dalle sfere, ove siedi regina, Madre e figlia del Sommo fattor. Di noi miseri i fervidi voti, che, devoti animati di fede, noi porgiamo prostrati al tuo piede, deh! Tu accogli, o gran madre d’Amor. L’ira giusta del Nume increato ci spaventa e dei falli la salma; per te in seno ritorni la calma, per Te il Figlio si muova a pietà.  E benigna c’impetra quei lumi, che ci guidino al retto sentiero; per Te vinto e confuso l’altero infernale nemico sarà. La gran donna, che forte ritorse alla strage il suo popolo afflitto ed il gran condottier d’Egitto, ombra solo e figura di te, Tu sei pace tra l’uomo ed Iddio, l’arca sei della nuova alleanza, di noi figli sei Tu la speranza, che c’impetri l’eterna mercè. L’alma aurora del sol messaggera, del mattino la splendida stella di Te, o Madre, più vaga, più bella, non si vede nel mondo spuntar. Deh! Fedele possente avvocata, al patir da sì misero esilio a noi mostra l’amato Tuo Figlio per venirti nel cielo a lodar.                                                                                                                                                                               Salve Regina

Rita Bevilacqua

 

 

Previous Sant'Alessio Siculo/ Al giornalista ennese, Ivan Scinardo, il premio Proserpina 2015.
Next Il senso della festa in onore della MADONNA DELLE GRAZIE