Aspettando i festeggiamenti in onore della Madonna delle Grazie

11846186_528575673957580_1198335969_n   Per i barresi il mese di agosto è un mese particolare, di attesa e di preparativi per la prima delle tre festività in onore della Vergine Maria:la festa in onore della Madonna delle Grazie, che a Barrafranca si festeggia l’ultima domenica di agosto e si svolgono nell’omonima chiesa. Quest’anno la festa ricade domenica 30 agosto, anticipata daĺla classica novena di preparazione ai festeggiamenti.  Le altre festività saranno una l’8 settembre in onore della compatrona Maria SS. della Stella e l’altra ultima domenica di settembre in onore della Nostra Signora del Sacro Cuore. Oggi inizieremo con il primo di una lunga serie di articoli dedicati proprio ai festeggiamenti in onore della Madonna delle Grazie. Appellativo “delle Grazie” è attribuito a Maria sia inteso nel senso di generatrice di “grazia” per eccellenza, ossia Cristo, sia inteso come “Regina di tutte le Grazie”, cioè “Colei che, intercedendo per noi presso Dio (“Avvocata nostra”), fa sì che Egli ci conceda qualsiasi grazia”. Nella teologia cattolica si ritiene che nulla Dio neghi alla Santissima Vergine. Nella devozione popolare Maria appare come una madre amorosa che ottiene tutto ciò che gli uomini necessitano per l’eterna salvezza. Proprio questo ha spinto la devozione popolare barrese a recitare alla Madonna la seguente preghiera, riportata nel nuovo saggio di Diego Aleo e Gaetano Vicari “Uno squarcio di paese fra passato e presente -il quartiere grazia di Barrafranca – la gente, la chiesa, la madonna, la festa” edito dalla casa editrice barrese Bonfirraro Editore:

 Bedda Matri di la Grazia

  Siti bedda e siti sazia

  Ppi ssu Bamminu

  Chi aviti ‘mbrazza

  Cunciditimi sta grazia.

Tradizione antica, bella e spettacolare nei suoi momenti che culminano nei giorni precedenti la festa: il venerdì con la sfilata dei “vessilli di Maria” dall’Associazione Gruppo Spettacolo Arcobaleno alla chiesa Grazia e la successiva “traslazione del simulacro della Vergine”; e il sabato con la rappresentazione della vita di Maria, davanti al sagrato della chiesa Grazia.

Rita Bevilacqua

Previous Senza colpevoli, dal massacro del piccolo Francesco in poi, ma la giustizia ha trionfato nella maggioranza dei casi
Next La mostra "I Miti e il Territorio nella Sicilia dalle mille culture" a Salemi.