Marco La Rosa giocherà in Promozione con la Nissa.

Marco La Rosa giocherà in Promozione con la Nissa.

La Rosa dopo la Barrese in Prima Categoria fa il salto di qualità in Promozione

Il diciassettenne Marco La Rosa da ieri risulta tesserato con la Nissa e giocherà il campionato di Promozione. Salto di qualità per il giovane talento Marco La Rosa che è cresciuto nelle file della Barrese dove presidente è Roberto Costa. La Nissa proprio venerdì scorso tramite il comunicato ufficiale della LND Sicilia ha conosciuto il proprio futuro e giocherà, grazie al ripescaggio, la prossima stagione sportiva 2015/2016 nel campionato di Promozione e quindi la dirigenza nissena mirava sulle qualità tecniche e umane di un giovane difensore e La Rosa, con esperienza anche a centrocampo, aveva i requisiti giusti. Un acquisto importante per la Nissa dato che molte squadre, in verità, avevano puntato gli occhi sul giocatore. Il giovane Marco La Rosa segue le orme di altri due giocatori che prima di aver giocato nella Barrese hanno giocato nella Nissa: “ il mitico” capitano Totò Avola, e poi Christian Guerreri, che in diverse stagioni in Serie D ora si è accasato nello Scordia. “ Marco ha deciso di fare una nuova esperienza – afferma il padre del giocatore Giuseppe La Rosa – dato che ha la passione del calcio. Ha ringraziato la società Barrese che lo ha cresciuto e dove lascia tanti amici”. La Nissa giocherà in Promozione nel girone D dove fanno parte società come l’Atl. Gela, l’Aragona, l’Atl. Caltanissetta, il Canicattì, il Casteltermini, Comiso, Licata, Macchitella Gela, Marina Di Ragusa, New Team Ragusa, Pol. Palma, Ragusa 2014, Ravanusa e Santa  Croce. Marco la Rosa, ha mosso i primi passi nella Barrese e già da due anni si è messo in evidenza anche in Prima Categoria con la Barrese e, contemporaneamente, nella formazione degli allievi regionali. Incontrerà diverse squadre presenti la scorsa stagione in Prima Categoria come, ad esempio,  il Canicattì, Atl. Caltanissetta, Palma e Ravanusa.

 

Previous Sfilata de "I ritini" / Festa Maria SS della Stella: " I cavalli che partecipano al corteo devono essere dotati di microchip".
Next Il PALIO DEI NORMANNI- Piazza Armerina