Rievocazione storica a Pietraperzia: Corteo Medievale e investitura di Abbo I Barresi

Domenica 09 agosto 2015 a Pietraperzia (EN) si è svolta la II edizione del Corteo Medievale e Raduno di Cortei storici, organizzato dal Comune di Pietraperzia e dalla Proloco locale. “Il corteo di quest’anno è un corteo medievale– ci spiega Alessia Falzone presidente Proloco- in riferimento all’investitura di Abbo I Barresi che nel 1091 riceve il castello e da semplice miles passa a proprietario del castello, iniziando il dominio della famiglia Barresi a Pietraperzia. Abbiamo voluto iniziare con la parte medievale della vita del castello. L’obiettivo per i prossimi anni è di aggiungere, sia come costumistica sia come ambientazione, la parte cinquecentesca, narrando successivamente le vicende di Dorotea Barresi. ”  Il corteo, che vede la partecipazione di circa 150 figuranti, è partito dal Castello Barresi e, percorrendo alcune strade del centro storico del paese, è arrivato in piazza Vittorio Emanuele, dove si è assistiti alla rappresentazione dell’investitura di Abbo Barresi da parte del conte Ruggero il Normanno. Inoltre è’ stata inscenata la leggenda delle “Tre dame”. Sul castello Barresi si raccontano tante leggende una di queste è quella delle “Tre Dame marcia e vinni”. Il nome può avere due interpretazioni, come ci spiega Alessia Falzone: “Due sono le interpretazioni: marciavano e avvenne oppure marciavano e vendevano. L’interpretazione più affidabile è quella che marciavano, camminavano e avvenne. Avvenne che le tre dame si persero nelle segrete del castello e morirono di fame e di stenti”. La leggenda ha lo scopo di spiegare l’immensità del Castello che, verosimilmente, era costruito su 4 ordini dei piani (4 come sono le stagioni), con 12 torri (12 come sono i mesi dell’anno) e con 365 stanze (365 come sono i giorni di un anno). Bellissimi e particolari i costumi che richiamano il periodo storico medievale, provenienti dall’Istituto Comprensivo Vincenzo Guarnaccia di Pietraperzia. Sia i costumi sia i testi della rappresentazione si devono all’opera dell’insegnante Lina Maddalena che, durante la sua professione, mise in scena la storia del Castello. Una parte dei costumi sono stati presi in prestito dal Servizio Turistico Regionale di Enna. Al corteo hanno partecipato anche il Gruppo Sbandieratori di Mazzarino, una parte del corteo storico di Aidone e “ l’Officina Medievale Enna”. Inoltre erano presenti il sindaco di Pietraperzia Antonio Calogero Bevilacqua e il vice sindaco del comune di Aidone Serena Schillirò.

Rita Bevilacqua

google_ad_client = “ca-pub-1718922414233897”;
google_ad_slot = “1013185431”;
google_ad_width = 728;
google_ad_height = 90;

Previous Derattizzazione dalle 15 alle 18 di oggi
Next Approvato emendamento all'Ars sull'acqua pubblica. I comuni potranno scegliere o meno se aderire all'Ato.