Enna, protestano i pazienti dell’ospedale: “Troppo caldo, manca l’aria”

Copiamo e incolliamo un articolo apparso il 20 luglio 2015 sul web del Giornale di Sicilia:

ENNA. In città sale la temperatura, l’aria si fa torrida e la permanenza in molti dei reparti dell’Umberto I per i ricoverati è quasi insopportabile. L’impianto dell’area condizionata non è sufficiente per entrambi i padiglioni del nosocomio di contrada Ferrante e le lamentele non tardano ad arrivare. Già una settimana fa avevamo scritto che un gruppo di persone si erano costituite in comitato per raccogliere delle firme e denunciare il grave disservizio ma il neo direttore di presidio Lello Vasco ci aveva assicurato che avrebbe fatto il possibile per risolvere il problema.

A lui quindi ci siamo rivolti per sapere quando ancora si dovrà aspettare. A tal proposito ricordiamo che la gara d’appalto per fornire i mezzi necessari al potenziamento (per intenderci un secondo motore) è già stata espletata da un bel pezzo (e vinta dall’impresa Impellizzeri) ma allora cosa si aspetta? «Per avviare il secondo motore – spiega il Cardiologo – necessitano delle torri di vaporizzazione che partiranno da Mogliano Veneto (Treviso) mercoledì 22 su un autoarticolato e dovrebbero arrivare a Enna entro venerdì».

Previous Inizio festeggiamenti in onore della Santa Famiglia di Nazareth
Next Fand provinciale. Giuseppe Regalbuto: " I locali pubblici si adeguino all'accesso per disabili. Ascensore fuori uso e disservizi per i disabili al museo di Aidone".