Stipulata a Enna convenzione tra Unimpresa Sicilia e Consorzio Arca per favorire le aziende del territorio isolano

Stipulata a Enna convenzione tra Unimpresa Sicilia e Consorzio Arca per favorire le aziende del territorio isolano

E’ stata firmata lo scorso venerdì 3 luglio la convenzione tra Unimpresa Sicilia ed il Consorzio Arca. A firmarla a Enna nella sede di via Duca D’aosta, il presidente Unimpresa Sicilia,  Maria Concetta Cammarata, ha mostrato grande soddisfazione per la l’eccezionale partecipazione e per l’entusiasmo mostrato dai presenti, amministrazioni comunali ed imprenditori, per la neonata convenzione. A firmare la convenzione Anna Sangiorgi, componente del Consorzio Arca, la quale ha subito illustrato cosa fa il consorzio mostrando la massima disponibilità affinchè questo accordo con Unimpresa Sicilia diventi fattivo il prima possibile. Ad accogliere le due donne intraprendenti è stato il presidente di Unimpresa Enna- Caltanissetta Totò Puglisi, molto attivo nel cercare di dare gli stimoli giusti alle aziende grazie ai servizi resi di Unimpresa. “Grazie a questa collaborazione – afferma la Sangiorgi –  tutte le imprese individuate da Unimpresa Sicilia potranno usufruire di servizi di sostegno in funzione del loro profilo e delle loro esigenze”. Il Consorzio Arca (Consorzio per l’applicazione della ricerca e la creazione di aziende innovative) nasce nel 2003, in partenariato con l’Università di Palermo, come gruppo imprenditoriale privato impegnato nel campo della ricerca industriale e del trasferimento tecnologico. Nel 2005 ha dato vita ad un ”Incubatore di Imprese” per promuovere ed assistere le << Startup>> innovative, sostenendo l’imprenditorialità, l’innovazione tecnologica e innovazione strategica di sviluppo aziendale, attraverso azioni mirate alla sensibilizzazione, al sostegno e al potenziamento delle imprese. Le imprese che, grazie all’ intermediazione di Unimpresa Sicilia, verranno a contatto con il Consorzio, potranno essere guidate verso processi di internalizzazione e di trasferimento tecnologico processi che, oggi, diventano un imperativo per rimanere e diventare competitivi sul mercato. “Il nostro lavoro – spiega la Cammarata – è mosso dalla seria volontà di aiutare fattivamente le imprese del nostro territorio per farle sopravvivere e rigermogliare in quello che ormai è diventato un mercato globale; questo diventerà possibile solo essendo capaci di fornire loro gli strumenti e le conoscenze necessarie”. Il Consorzio Arca, dunque, potrà coadiuvare ed indirizzare le imprese, sia in virtù del suo ruolo istituzionale, ma anche per via della sua partecipazione alla più grossa Rete Europea di Trasferimento Tecnologico, la EEN (Enterprise Europe Network). Tra i servizi offerti da Unimpresa Sicilia, sottolineiamo, la realizzazione e la diffusione delle iniziative della Commissione Europea promosse dal Consorzio Arca (missioni, eventi internazionali, seminari, formazione, consultazione delle imprese, partenariati ecc) e l’impegno di selezionare, nel corso di un anno, almeno 10 imprese, in base a dei requisiti stabiliti dal Consorzio Arca, alle quali verranno rivolti servizi di consulenza personalizzata e specializzata in materia di innovazione ed internalizzazione. “Io credo fortemente a questa realtà di grande valenza – sottolinea Cammarata – e credo sia d’obbligo farla conoscere per essere di aiuto sia alle nuove che alle imprese già esistenti. L’obiettivo che ci prefiggiamo è ambizioso, ma solo raggiungendo pian piano piccole tappe, potremo ottenere grandi traguardi. Le associazioni di categoria – continua – devono tornare a preoccuparsi delle imprese e a far diventare il loro benessere la priorità. Questo grande passo di collaborazione con il Consorzio Arca è un chiaro segnale della volontà di Unimpresa di svolgere al meglio il proprio ruolo di garante delle attività economiche, non dimenticando tutti gli enti pubblici e le amministrazioni comunali, fornendo loro assistenza per la partecipazione ai progetti comunitari e per la ricerca di partner internazionali. Un vero e proprio gioco di squadra, insomma, per far rifiorire il tessuto economico della nostra Regione”.

Previous Torneo giovanile di calcio Fratres: cerimonia di apertura con nove quadre partecipanti
Next Paternò (Juniores) e Finestra (Man physique) sul podio al Gran Prix di Body building di Ragalna