Raccolta firme contro Acquaenna. Oggi e domani i barresi possono firmare la petizione popolare

Raccolta firme contro Acquaenna. Oggi e domani i barresi possono firmare la petizione popolare

Una petizione popolare per dire un secco “no” ad Acquaenna, l’ente che per anni non ha pagato il canone all’Ato Idrico. Da stamattina vicino la piazza di Padre Pio (di fronte al plesso Europa) in concomitanza dello svolgimento del mercato settimanale si stanno raccogliendo le firme alla presenza di alcune forze politiche e di consiglieri comunali. A supportare l’iniziativa  Angelo Ferrigno, rappresentante locale del comitato provinciale dell’acqua ma anche consiglieri comunali come Giuseppe Lo Monaco, Giuseppe Vetriolo, Salvatore Puzzo 58’, Salvatore Puzzo 55 e il segretario del Pd, Salvatore Cucchiara. Invitati consiglieri comunali, le associazioni, le parrocchie, i movimenti ed i partiti partendo dal fatto che non c’è nessuna strumentalizzazione in atto ma la rivendicazione di un problema che è di una comunità intera. Sono più di mille le firme già raccolte con quelle di oggi a dimostrazione che i cittadini sono convinti del fallimento dell’Ato e di Acquaenna visto che i servizi non si sono dimostrati all’altezza, e per giunta, molto costosi. Ai cittadini, così come si sta procedendo in altri comuni, è stato spiegato che la petizione popolare servirà per la rescissione del contratto con Acquaenna. Nella legislatura 2007-2012 l’amministrazione di allora non fece neanche un passo indietro per consegnare le reti idriche all’Ato rivendicando il diritto che l’acqua è una risorsa pubblica e non deve essere gestita da privati. Solo Barrafranca, rispetto a tutti i comuni dell’ennese si paga a livelli molto ragionevoli, ed è l’unico comune a quanto pare a non aver consegnato le reti idriche all’Ato idrico. Stamattina ci hanno fatto vedere alcuni documenti dove il comitato aveva fatto richiesta di uno stand che il comune doveva montare nel luogo di piazza padre Pio ma il comitato con alcune sedie è due tavoli ha svolto lo stesso la propria attività. Il comitato cittadino a Barrafranca ha stabilito la raccolta delle firme della petizione popolare in due luoghi diversi: oltre a quello di stamattina ve ne sarà un’altra domani in piazza Regina Margherita. Ogni firma deve indicare il numero del documento di riconoscimento del soggetto, in modo da rendere credibili e veritiere le firme raccolte.

Previous Ben tornato a casa soldato SALVATORE BELLANTI
Next Studenti del liceo artistico ennese in collaborazione con la scuola di formazione del centro orafo Tarì espongono le copie di gioielli della Patrona di Enna.