Oggi e domani si vota, …e si “svota”

Oggi e domani si vota, …e si “svota”

Anche ad Enna si voterà nel capoluogo, mentre in provincia andranno alle urne gli abitanti di Agira, Centuripe, Nicosia, Pietraperzia e Valguarnera Caropepe. Nel Nisseno ad andare alle urne, oltre a quelli di Gela, saranno i cittadini di Mussomeli, Villalba e Serradifalco. Beati loro, verrebbe da dire! Questi cittadini oggi e domani hanno la possibilità di cambiare le sorti dei rispettivi comuni di appartenenza o di starsene a casa, in campagna o al mare a godersi una bella giornata di riposo. Certo che a guardare i numeri delle precedenti elezioni c’è ben poco da sperare che il cittadino oggi si svegli con la voglia matta di cercare il suo certificato e recarsi nella sua sezione per votare. Dei comuni prima menzionati nel 2010 solo Enna arrivò ad una percentuale del 71% di votanti mentre Pietraperzia raggiunse il 47,65%, la più bassa percentuale toccò a Valguarnera con il 44,66%. Allora il calo fu del 3% circa rispetto alle precedenti amministrative, se venisse confermata questa percentuale Enna dovrebbe arrivare al 68%, Pietraperzia al 46,5 e così via. D’altro canto in questi ultimi cinque lustri si è avuto un vistoso calo demografico dovuto alla ormai consolidata crisi economica per cui queste percentuali potrebbero andare ulteriormente ad abbassarsi. Ma la domanda è si “svota”?  Per i lettori poco pratici di modi di dire barresi “Si vota e si svota” è come dire si gira e si rigira, si gira e si rigira ma non cambia assolutamente nulla. A Barrafranca si vota e si svota fra due anni esatti, è pronta una bella patata bollente per i futuri amministratori, ma nel frattempo cosa bolle in pentola, oltre naturalmente alla patata? Intanto non mancate all’appuntamento del 4 Giugno per una seduta del consiglio comunale che si preannuncia ricca di sorprese. 
votazioni 5015 

La redazione

Previous Tennistavolo. Pietraperzia 88 al concentramento di Siracusa per la promozione in C1
Next Prima comunione in chiesa Itria e chiesa Grazia. Piccolo sondaggio tra i cittadini per conoscere il significato del Sacramento.