Si conclude oggi “A fera di Fondachiddu” a Mazzarino

Si conclude oggi “A fera di Fondachiddu” a Mazzarino

Si conclude la tradizionale “Fiera di fondachello” a Mazzarino prevista solo per mezza giornata. Ieri invece per tutta la giornata anche abitanti dei paesi viciniori tra Barrafranca e Mazzarino si sono recati per le numerose bancarelle poste lungo la strada principale. Non sono mancati però anche i controlli da parte della polizia municipale per qualche bancarella “abusiva”. Nel circondario sopravvive solo questa fiera dato che quella di Sant’Alessandro a Barrafranca ( nei giorni che precedevano la festa il 3 di maggio) non si svolge da anni ed è una fiera conosciuta e ricordata da molti anziani. Invece a Mazzarino il 26 e 27 maggio vi è la tradizionale “Fiera di Fondachello”, chiamata in questo modo perchè una volta si svolgeva in contrada Fondachello, a metà strada tra Mazzarino e Riesi, in modo da dare la possibilità di acquistare animali da lavoro o attrezzi necessari ai lavori dei campi.

Riportiamo in dialetto il significato della “Fiera di Fondachello” da parte del mazzarinese Michele Bognanni

A FERA A MAZZARINU

Un timpu si tiniva a Mazzarinu

fera atl’Arinazzu, nni lu chianiciddu,

e anchi nni lu cursu, dda vicinu,

ppa festa da Madonna e Funnachiddu.

Viniva di frustiri tu paisanu,

si spupulava, ddi iorna, ogni vanedda,

cchianava lu Vutrisi, tu Riisanu..

ppu sciascu, la quartara, la lancedda.

E tu massaru si cattava a sedda

o lu varduni ccu li giumma russi,

e li tiniva comu fighia bedda

ppi dimustrari ciò chi iddu fussi.

Li fimmini giravanu barracchi,

ccattannu biancheria ppi la schetta,

e ccu li vrazza carichi di pacchi

pinsavanu alla “doti”, senza fretta.

Lu nobili nnu scinniva a sì bassizzi,

e si quarcosa a iddu bisugnava,

avinnu ncasa so’ tutti biddizzi.

li servi ecu tu “vui” iddu mannava.

Ma dopu a guerra vinni a caristia,

tu Quarantuttu e la Riforma Agraria,

la genti, anchi ecu lu “vossignuria”

tu fumu pensa di ittari all’aria.

Si reca a tu mircatu ppi ccattari

ddi vesti americani chi si misi,

spinninnu idda suli pochi dinari

ppi scampuli sciuriati, causi e cam misi.

ccattari a fera nun è cchiù virgogna,

ognunu ben cattari certu sapi,

ogni panniri dici: “Ochi scarogna!

Li robi a fera a mazzu comu rapi!

Però quarcuna di tu blasunatu

chi iva idda a fera ppi ceattari,

ccu mussu strittu e minzu cummighiatu,

si era vista fingiva di taliari.

Quannu li genti cci vidianu dda vesti

ccattata a tu mircatu e rifurmata,

idda diciva, ecu paruleddi lesti:

A fera di tu marti nun è ccattata!

Da quannu li tempa su’ canciati

a fera di tu marti tutti iammu,

e anchi si vinimmu dda taliati

chiddi ratteddi tutti li ccattammu.

Li genti partinu anchi di luntanu

ppi la Matrici, ppi Sant’Antuninu,

tra li barracchi Ilarga nni tu chianu

la fera da Madonna a lu pinninu.

Cangiannu nell’80 Amministrazione,

da comunista a democristiana,

ordina subitu, senza discussione,

ppa fera chiù da chiazza nun si cchiana!

Porta la fera a li casi popolari,

la genti nun putinnu nenti diri

avinnu l’interessi di ccattari

va trova li baracchi e li frustiri.

Ora si sposta a vintu quannu veni,

unna barracchi vininu cunsati,

e quannu, ppi lu timpazzu, nun si teni

ristammu comu sacca scutulati.

Michele Bognanni

 

Previous Proposta di Fi Giovani per la organizzazione degli eventi estivi, Piazza gestita dai commercianti
Next Campo sportivo. Il consigliere comunale Patti: "Migliorare la struttura per renderla agevole agli utenti in termini di servizi".