Pluripregiudicato ennese trovato in possesso di materiale elettronico di provenienza furtiva.

Nel corso di mirati servizi di controllo del territorio predisposti in occasione del ponte pasquale, nella giornata di Pasquetta la polizia di Stato della sezione stradale di Enna del vice questore aggiunto dott. Felice Puzzo, ha denunciato in stato di libertà alla procura della Repubblica di Enna, con l’accusa di ricettazione e possesso di chiavi alterate e grimaldelli, il quarantanovenne ennese A.C., noto pluripregiudicato. Lo stesso, fermato a bordo del proprio veicolo nei pressi di Pergusa e sottoposto a perquisizione, è stato trovato in possesso di diverso materiale elettronico multimediale, tra cui lettori Dvd, televisori, navigatori satellitari, ricevitori wireless, sistemi audio dolby surround e scanner, tutto materiale accompagnato dalla relativa cavetteria, sottoposto a sequestro penale. Interpellato al riguardo, A.C., che annovera precedenti penali e pregiudizi di polizia per omicidio doloso, associazione per delinquere di stampo mafioso, furto in abitazione, minacce, simulazione di reato, violenza privata, lesioni personali, falso in scrittura privata e false dichiarazioni all’Autorità, riferiva, maldestramente, di avere rinvenuto gli oggetti elettronici nei cassonetti dell’immondizia; circostanza alquanto inverosimile atteso che, in realtà, il materiale si presentava in ottimo stato d’uso. Sono in corso ulteriori accertamenti per verificare l’eventuale coinvolgimento di A.C. nei furti avvenuti recentemente nelle abitazioni del territorio ennese. La predetta attività rientra in un ampio programma di prevenzione e contrasto ai reati di tipo predatorio e contro il patrimonio predisposti dal questore di Enna. Allo scopo di restituire la refurtiva ai legittimi proprietari, si invitano i cittadini che recentemente hanno subito furto di materiale e riconoscono i loro beni, a contattare gli uffici della sezione polizia stradale di Enna tramite il numero telefonico 0935-532111.

Previous Diga Olivo, grazie alle piogge, salva la stagione irrigua
Next Ancora furti nelle abitazioni