Donazione dalla Germania per la ricerca contro la Sla

Donazione dalla Germania per la ricerca contro la Sla

foto Daniela Monaco da FB

foto Daniela Monaco da FB

All’Aisla Enna di cui è referente Michele La Pusata arriva un assegno di 2mila euro da parte dell’associazione emigrati italiani residente in Germania per destinarli alla ricerca contro la malattia rara della sclerosi laterale amiotrofica. è stato Gaetano. Crapanzano (tornato da Goppingen a Barrafranca in occasione delle festività pasquali) a consegnare un assegno dell’importo di 2 mila euro a Michele La Pusata. «La somma – ha spiegato Crapanzano, emigrato barrese in Germania – è il frutto di una tombolata organizzata nei mesi scorsi dall’associazione genitori di LACONSEGNADELL’ASSEGNO Goppingen e come referente durartte il periodo pasquale ho deciso di consegnano di persona a Michele il quale è una persona che vogliamo bene e stimiamo per il coraggio che ha di affrontare la vita ogni giorno nonostante le vicissitudini della malattia». Non è la prima volta che l’associazione tedesca offre una somma raccolta durante le proprie iniziative ad altre associazioni di beneficienza onlus e questa è la terza volta in tre anni che viene destinata ad Aisla Enna. Un esempio di come la stima, l’amicizia e l’amore verso il prossimo, nonostante i troppi chilometri di distanza, non viene meno da parte dei tanti emigranti in Germania che hanno dimostrato ancora una volta distare vicino alle persone e famiglie intere i quali “convivono” con una malattia rara le cui esigenze sono tante e le istituzioni dovrebbero vigilare sempre. Non è la prima volta che rappresentanti dell’Aisla Enna con la comunità di emigrati in Germania collaborano tramite iniziative culturali e sociali che hanno come base il concetto di solidarietà. Diversi anni fa fu anche l’occasione che due amici barresi di antica data si incontrarono Michele La Pusata e Giuseppe Scaletta (emigrato e residente in Germania e circondato dall’affetto dei familiari) entrambi affetti dalla sclerosi laterale amiotrofica. Due sistemi, quello tedesco e quello italiano, inerente all’assistenza medica differenti dove ad esempio in Italia il diritto alla salute a volte è un vero “optional” anche se come nel caso di Michele La Pusata, i familiari si sostituiscono e non fanno mancare l’affetto familiare. «Ringrazio l’associazione genitori della Germania – afferma Michele La Pusata – a nome di tutti i malati di Sia presenti nel territorio e quanti rinnovano in noi la speranza per un futuro migliore. Ringrazio chi mista vicino e chi risiede in Germania. Riserverà una preghiera per loro». La Sia, è una malattia rara e neurodegenerativa progressiva che colpisce le cellule nervose cerebrali e del midollo spinale tanto che interessano i movimenti della muscolatura volontaria.

Previous Raggiunta l'intesa: si farà domani anche la processione serale de "A Giunta"
Next Le immagini del Venerdì Santo vietate alle telecamere di Radio Luce