BARRAFRANCA. L’UNIONE, LA COSTANZA E LA COERENZA FANNO LA FORZA!

BARRAFRANCA. L’UNIONE, LA COSTANZA E LA COERENZA FANNO LA FORZA!

- in Barrafranca

Quando si è in tanti, ci si mobilita continuamente, e si crede nella battaglia che si porta No avanti, i riscontri positivi non mancano. La mobilitazione dei Cittadini, a seguito delle denunce del Comitato No elettrosmog, volte al rifiuto di un’istallazione della prima di tante antenne trasmittenti il potentissimo segnale 5G, ha ottenuto un primo risultato, quello di un “Ordinanza di sospensione dei lavori ed avvio del procedimento di autoannullamento in autotutela…”, cioè la sospensione dei lavori con effetto immediato e per 30 giorni, durante i quali potranno verificarsi e prodursi fatti o atti non conosciuti nella fase della “distratta” autorizzazione. AUTORIZZAZIONE viziata dalla mancata pubblicità da parte del Comune. Una grave omissione che ha ignorato i Cittadini, aventi il diritto di dire la loro. Questo dice la Legge e questo non è stato fatto! È una prima significativa vittoria! L’interesse sulla salute pubblica deve prevalere sull’interesse economico del privato! Altre iniziative importanti saranno portate avanti per il bene di tutti, dalle manifestazioni ai volantinaggi, alla raccolta firme per fare arrivare il NO più convinto. A noi Cittadini questa incombenza, a chi ci rappresenta il dovere di discutere, affrontare e risolvere il problema iniziando dalla convocazione di un Consiglio Comunale Straordinario. Vogliamo che i 16 rappresentanti della Gente al Comune onorino la loro principale promessa elettorale, difendere i loro lettori, in questo caso la Loro salute. Ci aspettiamo qualcosa di più anche da questa amministrazione, che vorremmo combattesse realmente questa “guerra” insieme a noi. Chiediamo infine appoggio e collaborazione da parte di Tutti. UNITI SI VINCE! Il comitato NO ELETTROSMOG”.

GAETANO MILINO

You may also like

PIETRAPERZIA. Ha varcato i confini della Sicilia il ritrovamento  delle 4 Virtù di Antonello Gagini.

Infatti il quotidiano “Repubblica” di giovedì 11 aprile