PIETRAPERZIA. Grande folla ai “Mercatini di Natale 2023”.

PIETRAPERZIA. Grande folla ai “Mercatini di Natale 2023”.

- in Pietraperzia

L’evento organizzato dall’Istituto Comprensivo “Vincenzo Guarnaccia” – Dirigente Scolastica Salvatrice Faraci –, dalla Amministrazione Comunale – sindaco Salvuccio Messina e Assessore alla Scuola Carlo Falzone – e dal Comitato dei Genitori. Assente, per motivi di Salute, la Dirigente Scolastica Salvatrice Faraci. A sostituirla l’insegnante Caterina Salvaggio collaboratrice della dirigente scolastica. Coinvolti tutti gli alunni, i docenti e i genitori degli allievi dei tre segmenti scolastici di Pietraperzia: Scuola dell’Infanzia, Primaria e Secondaria di Primo Grado. Hanno collaborato attivamente i genitori dei piccoli grandi artisti. Coinvolti pure alunni e docenti del Cpia. Anche loro hanno realizzato alimenti tipici. I “Mercatini di Natale 2023” si sono tenuti nello spiazzale antistante l’edificio scolastico “Vincenzo Guarnaccia”. Allestiti gazebo messi a disposizione dal Comune, dall’Avis di Pietraperzia e da un docente del “GuarnaccIa”.  Presenti il sindaco Salvuccio Messina, l’assessore alla Scuola Carlo Falzone e Caterina Salvaggio, Collaboratrice della dirigente scolastica Salvatrice Faraci. Il nastro tagliato dall’insegnante Caterina Salvaggio e dall’Assessore alla Scuola Carlo Falzone. Negli stand esposti numerosi prodotti e manufatti – tra cui diversi cibi – realizzati da alunni, insegnanti e famiglie. I dolci tipici di Pietraperzia  preparati dai genitori. Tra gli oggetti in mostra, anche caratteristici presepi realizzati con materiale di facile consumo. Durante la serata, Babbo Natale – impersonato dal professore Nicola Bannò – che  ha distribuito zucchero filato. Caterina Salvaggio, durante il suo intervento, ha sottolineato l’importanza della Scuola e della collaborazione con le  altre agenzie educative e formative tra cui le famiglie e le istituzioni. GAETANO MILINO

You may also like

PIETRAPERZIA. Ha varcato i confini della Sicilia il ritrovamento  delle 4 Virtù di Antonello Gagini.

Infatti il quotidiano “Repubblica” di giovedì 11 aprile