PIETRAPERZIA. Il sindaco Salvuccio Messina, in consiglio comunale, ha perduto la maggioranza.

PIETRAPERZIA. Il sindaco Salvuccio Messina, in consiglio comunale, ha perduto la maggioranza.

Infatti si sono dichiarati indipendenti, durante i lavori d’aula, tre degli otto consiglieri comunali che erano stati eletti, a ottobre 2020, nella lista del sindaco Salvuccio Messina. I tre che si sono dichiarati indipendenti, durante il consiglio comunale tenuto nella mattinata di giovedì 25 maggio 2023, sono Angelo Vullo, Lorenza Nicoletti e Vincenzo Milazzo.

I primi due, fino al 17 maggio 2023, ricoprivano anche la carica, rispettivamente di assessore e vicesindaco e assessora nella giunta del sindaco Salvuccio Messina. Il giorno dopo, il sindaco aveva azzerato la giunta municipale con proprio provvedimento. Il 19 maggio 2023 era stata nominata una nuova giunta municipale con la determina sindacale numero 10. Alla luce dei nuovi eventi verificatisi durante il consiglio comunale del 25 maggio 2023, il consiglio comunale è composto da cinque consiglieri che appoggiano attualmente il primo cittadino di Pietraperzia – sugli originari otto – tre di opposizione eletti con la lista “Insieme Per Pietraperzia” (Calogero Di Gloria, Giusi Di Blasi e Rosa Maria Giusa). A loro si aggiungono Silvia Romano che, a ottobre 2020, era stata eletta con la lista “Insieme per Pietraperzia” – e successivamente dichiaratasi indipendente – e gli altri tre consiglieri comunali che si sono dichiarati indipendenti durante il consiglio comunale di giovedì 25 maggio 2023. La prima “prova di forza” si è avuta proprio nella stessa seduta d’aula.

I cinque consiglieri che continuano ad appoggiare il sindaco Salvuccio Messina hanno votato a favore del punto all’ordine del giorno che prevedeva la nomina di un tecnico, per i prossimi tre anni, da retribuire con 126 mila euro complessivi. Tali fondi arrivano dal PNRR. L’opposizione, gruppo consiliare “Insieme per Pietraperzia”, ha proposto di rinviare tale punto all’ordine del giorno per ulteriori approfondimenti. Tale proposta di rinvio è passata con i voti dei due consiglieri di opposizione presenti in aula (Calogero Di Gloria e Giusy Di Blasi). Sì al rinvio anche dalla indipendente Silvia Romano e dai tre nuovi consiglieri comunali indipendenti Angelo Vullo, Lorenza Nicoletti e Vincenzo Milazzo. Il punto è stato quindi rinviato ad una nuova seduta di consiglio comunale per le ore 16,00 del 31 maggio 2023. Presa d’atto, da parte del consiglio comunale, delle determine sindacali numero 9 e numero 10 “Azzeramento Giunta Municipale” e nomina di quella nuova. Approvati alla unanimità la legittimità della spesa sostenuta dal Comune per eliminazione del pericolo di crollo rappresentato da un fabbricato in stato di abbandono sito in via San Giuseppe. Sì anche al divieto di produzione e di immissione sul mercato di alimenti e mangimi sintetici. Il sindaco Salvuccio Messina a proposito dei tre consiglieri comunali dichiaratisi indipendenti – Angelo Vullo, Lorenza Nicoletti e Vincenzo Milazzo – afferma: “Il cambio della giunta si è reso necessario perché tutto il gruppo aveva il piacere di fare questa esperienza e, quindi, per un equilibrio della giunta, si è deciso di fare questa rotazione”. “Da allora – dice ancora il sindaco Salvuccio Messina – si è appresa la notizia dell’abbandono di tre consiglieri (che sappiamo chi sono – e oggi (ndr giovedì 25 maggio 2023) lo hanno dichiarato in consiglio comunale – che escono dalla maggioranza. Io vorrei capire i motivi quali sono stati”. Il sindaco Salvuccio Messina aggiunge: “Io non so se i motivi della loro uscita dalla maggioranza siano stati quelli che hanno visto i nuovi assessori che hanno tolto loro la poltrona. Io voglio capire i motivi del loro abbandono della maggioranza. Sicuramente gli assessori non possono durare cinque anni come il sindaco”. Il primo cittadino di Pietraperzia conclude: “Mi auguro che non sia questa cosa”. GAETANO MILINO

Previous ATI ENNA. Chiesti 27 milioni per il recupero di pozzi e sorgenti in provincia. Due pozzi si trovano a Piazza Armerina.
Next Aidone. Concorso Morgantìnon degli oli evo siciliani 2023, ecco i vincitori Cerimonia di premiazione il 17 giugno